Corrieri in malattia: 20 carabinieri consegnano materiale sanitario alle farmacie - BergamoNews
In bergamasca

Corrieri in malattia: 20 carabinieri consegnano materiale sanitario alle farmacie

Per far fronte al periodo di carenza di personale dei corrieri espressi, i militari si sono fatti carico di recuperare il materiale sanitario in giacenza nei vari magazzini e consegnarlo al più presto in vari punti della provincia

Le farmacie e gli ospedali della Bergamasca, nel pieno dell’emergenza sanitaria in atto, nel corso delle ultime ore hanno ricevuto il supporto di una decina di pattuglie dei Carabinieri che, per far fronte al periodo di carenza di personale dei corrieri espressi, si sono fatti carico di recuperare il materiale sanitario in giacenza nei vari magazzini e consegnarlo al più presto in vari punti della provincia.

carabinieri medicinali

Sin dalle prime luci dell’alba, circa 20 Carabinieri del Comando Provinciale di Bergamo si sono recati nelle aziende di spedizione, che mai come in questo periodo soffrono dell’assenza per malattia di gran parte del personale, dove hanno prelevato circa 80 pacchi contenenti dispositivi sanitari (materiale per medicazione, guanti, mascherine..) e li hanno recapitati a bordo delle singole pattuglie ai centri di smistamento e alle farmacie del territorio, fra cui Bergamo, Calcio, Lallio, Ponte San Pietro, Villa d’Almè, nonché agli ospedali di Bergamo e Treviglio, che da ore aspettavano di ricevere il materiale necessario per preservare la propria funzionalità.

L’intervento dei Carabinieri, concluso in tarda mattinata, ha permesso di recapitare tutto il materiale essenziale direttamente nelle mani del personale del settore farmaceutico e dei medici, a supporto specifico delle persone maggiormente interessate dall’emergenza coronavirus.

leggi anche
  • Medolago
    Coronavirus, Abati di Tecnofilati: “Pronti a produrre 10 mila mascherine al giorno”
    Abati tecnofilati
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it