Coronavirus a Bergamo, in una settimana 330 morti, 14 volte in più rispetto a un anno fa - BergamoNews
I dati

Coronavirus a Bergamo, in una settimana 330 morti, 14 volte in più rispetto a un anno fa

Nella stessa settimana di marzo del 2019 il Comune di Bergamo registrava 23 decessi, nello stesso periodo di quest'anno siamo a 330 morti: 14 volte in più.

Le parole di lunedì pomeriggio dell’assessore regionale al Welfare Giulio Gallera sono corrette, ma stritolate in un titolo hanno dato un’idea distorta della realtà, spalancando una speranza che non c’è sull’emergenza corona virus.

Non c’è nessun calo di contagi. Calano i numeri dei contagi perché non si fanno più i tamponi: e questo non è un dettaglio da poco.

“I contagiati a Bergamo sono 3760, ovvero 344 più di domenica, mentre a Brescia sono 2918, con un aumento di 445 in un solo giorno – ha dichiarato Gallera -. I dati di Bergamo, considerando le terre di frontiera nella lotta al coronavirus, hanno registrato un aumento inferiore alle altre”.

Un aumento inferiore di contagiati rispetto all’aumento delle altre province lombarde non significa che il virus abbia rallentato la sua corsa. Anzi. Resta e rimane una cifra altissima alla quale le strutture sanitarie della provincia di Bergamo non riescono a far fronte e confermano l’emergenza.

A dimostrazione che questa pandemia non si stia arrestando, si devono guardare altri numeri: quelli dei decessi. Prendiamo solamente quelli di Bergamo città.

Domenica 8 e lunedì 9 marzo i morti sono stati 44. Poi la settimana ha preso una piega in crescendo davvero drammatica: martedì 31 decessi, mercoledì 44, giovedì 43, venerdì 50, sabato (quando l’ufficio comunale è rimasto aperto mezza giornata) si sono registrati 35 morti. I defunti di domenica 15 e lunedì 16 marzo, i dati sono verificabili al Comune di Bergamo, ammontano a 83.

Come da un weeked all’altro si sia passati da 44 a 83 deceduti c’è poco da spiegare. Questo virus ora non colpisce più solamente anziani o persone con determinate patologie, miete vittime anche tra persone ben più giovani.

Restando nella matematica, nella stessa settimana di marzo del 2019 il Comune di Bergamo registrava 23 decessi, nello stesso periodo di quest’anno siamo a 330 morti: 14 volte in più.

Possono bastare questi numeri a smorzare gli animi entusiasti di un leggero calo dei contagiati in Bergamasca rispetto alle altre province?

leggi anche
  • Alta valle brembana
    Coronavirus, montagna rifugio dei furbetti delle seconde case: “Più controlli”
    Foppolo
  • Bergamo
    Coronavirus, Siad incrementa l’ossigeno all’ospedale Papa Giovanni
    ossigeno siad al papa giovanni
  • Iniziativa arci bergamo
    “Storie dalla quarantena”: scrivete le vostre sensazioni e la vostra realtà
    Storie quarantena arci
  • Lunedì
    Ospedali di Bergamo e Alzano, arrivati e già al lavoro i nuovi medici militari
    Medici militari
  • Emergenza coronavirus
    Lega: “Non si può far pagare il parcheggio ai dipendenti dell’ospedale di Bergamo”
    parcheggio ospedale
  • L'iniziativa
    Coronavirus, una mail per dire grazie a medici, infermieri e volontari
    grazie
  • La richiesta
    Coronavirus, Slp Cisl: “Poste chiuda tutti gli uffici in Bergamasca”
    Poste Italiane
  • Emergenza coronavirus
    La Cgil: “Due lavoratori morti da venerdì alle Poste bergamasche, chiudetele”
    Ufficio Postale
  • La lettera
    Camilla, 13 anni e mamma medico in ospedale: “Mi manca e riscopro il valore della famiglia”
    Alessandra figlia medico papà Giovanni Coronavirus
  • No all'idea di gallera
    I sindacati dei pensionati: “Degenti dimessi non possono andare nelle case di riposo”
    anziano
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it