BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Coronavirus a Bergamo, in una settimana 330 morti, 14 volte in più rispetto a un anno fa

Nella stessa settimana di marzo del 2019 il Comune di Bergamo registrava 23 decessi, nello stesso periodo di quest'anno siamo a 330 morti: 14 volte in più.

Le parole di lunedì pomeriggio dell’assessore regionale al Welfare Giulio Gallera sono corrette, ma stritolate in un titolo hanno dato un’idea distorta della realtà, spalancando una speranza che non c’è sull’emergenza corona virus.

Non c’è nessun calo di contagi. Calano i numeri dei contagi perché non si fanno più i tamponi: e questo non è un dettaglio da poco.

“I contagiati a Bergamo sono 3760, ovvero 344 più di domenica, mentre a Brescia sono 2918, con un aumento di 445 in un solo giorno – ha dichiarato Gallera -. I dati di Bergamo, considerando le terre di frontiera nella lotta al coronavirus, hanno registrato un aumento inferiore alle altre”.

Un aumento inferiore di contagiati rispetto all’aumento delle altre province lombarde non significa che il virus abbia rallentato la sua corsa. Anzi. Resta e rimane una cifra altissima alla quale le strutture sanitarie della provincia di Bergamo non riescono a far fronte e confermano l’emergenza.

A dimostrazione che questa pandemia non si stia arrestando, si devono guardare altri numeri: quelli dei decessi. Prendiamo solamente quelli di Bergamo città.

Domenica 8 e lunedì 9 marzo i morti sono stati 44. Poi la settimana ha preso una piega in crescendo davvero drammatica: martedì 31 decessi, mercoledì 44, giovedì 43, venerdì 50, sabato (quando l’ufficio comunale è rimasto aperto mezza giornata) si sono registrati 35 morti. I defunti di domenica 15 e lunedì 16 marzo, i dati sono verificabili al Comune di Bergamo, ammontano a 83.

Come da un weeked all’altro si sia passati da 44 a 83 deceduti c’è poco da spiegare. Questo virus ora non colpisce più solamente anziani o persone con determinate patologie, miete vittime anche tra persone ben più giovani.

Restando nella matematica, nella stessa settimana di marzo del 2019 il Comune di Bergamo registrava 23 decessi, nello stesso periodo di quest’anno siamo a 330 morti: 14 volte in più.

Possono bastare questi numeri a smorzare gli animi entusiasti di un leggero calo dei contagiati in Bergamasca rispetto alle altre province?

© Riproduzione riservata

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.