Maurizio Radici incorona Guardiola: "Ha creduto nell'Atalanta nei momenti più bui" - BergamoNews
L'intervista

Maurizio Radici incorona Guardiola: “Ha creduto nell’Atalanta nei momenti più bui”

Il consigliere e sponsor dei nerazzurri non dimentica le belle parole del tecnico del City prima della rimonta: "Aveva detto a Gasperini che saremmo passati, infatti..."

Emozione, soddisfazione e qualche sassolino da togliere. Maurizio Radici, consigliere e principale sponsor di Atalanta, con Radicigroup, la vede così: “Sono molto contento per questo grande risultato, anche perché dopo le prime tre partite tanti sorridevano e dicevano che non meritavamo di stare in Champions. Poi invece…direi grande soddisfazione per quel che hanno fatto i giocatori e soprattutto il mister. Questa squadra può giocarsela con tutti”.

Un peccato che si sia dovuto giocare senza pubblico? “Un peccato, ma in questa situazione non si poteva fare diversamente. Purtroppo adesso ci sono altri problemi più gravi e speriamo che passino, meno male che l’Atalanta ci ha regalato due ore di felicità. E poi anche a Valencia giocatori e società con quel gesto a fine partita, che invitava Bergamo a non mollare, hanno dimostrato l’attaccamento a questa terra: sono ragazzi umili e anche in questa circostanza hanno fatto capire il valore dell’uomo, non solo del calciatore. Questa squadra è veramente qualcosa di diverso”.

leggi anche
  • L'intervista
    “Basta parlare di sorpresa: questa Atalanta ormai è una splendida realtà”
    Alessio Tacchinardi

Quanto le ha dato fastidio quella frase di Agnelli (“senza storia internazionale e con solo un anno positivo è in Champions: non so se è giusto”)? “Ecco, anche questo dimostra l’ignoranza, se così si può dire, di certi dirigenti e giocatori che pensano solo esclusivamente ad avere società che diventano sempre più ricche e dimenticano il fatto sportivo. Sono stato presidente del Leffe e in Federazione e ricordo che trenta anni fa avevo litigato con Giraudo (allora amministratore delegato della Juve, ndr) per questo modo di vedere il calcio. Perciò non condivido assolutamente le parole di Agnelli, sono state una caduta di stile veramnente molto grande”.

Ma pensavate di arrivare così in alto, quando avete deciso di sponsorizzare l’Atalanta? “Onestamente non ci aspettavamo questi grandi risultati, anche se abbiamo sempre avuto fiducia nella società, nella dirigenza e Luca è molto bravo. Da quattro cinque anni l’Atalanta sta ad alti livelli soprattutto con bilanci che in Serie A non ha nessuno: vuol dire che si può fare bene da manager, che il calcio visto e gestito come sa fare l’Atalanta ha un senso e non solo per portare a casa i soldi”.

leggi anche
  • L'intervista
    Anche Marcello Lippi si lustra gli occhi: “L’Atalanta fa innamorare tutti gli italiani”
    Lippi

Aveva ragione Guardiola, quando ha detto con una battuta molto spiritosa che affrontare l’Atalanta è come andare dal dentista? “Guardiola è un grande allenatore e lo dimostra il fatto che ha creduto nell’Atalanta anche nei momenti bui, quando aveva zero punti: l’aveva detto anche a Gasperini che saremmo passati. È una persona intelligente che conosce il calcio”.

Quindi che limiti può avere questa squadra? “Come dice il presidente”, sorride Maurizio Radici “il primo obiettivo è salvarsi. Certo, noi siamo nelle prime otto d’Europa, vediamo se ci arriva anche qualche italiana…”.

leggi anche
  • L'intervista
    Gosens, bergamasco adottato: “Abbiamo sottovalutato il virus, ora soffro con voi”
    Gosens
  • L'intervista
    Atalanta, senti Carrera: “Hai la mentalità europea, per questo voli in Champions”
    Massimo Carrera
  • L'intervista
    “Battiamo questo virus e torno in Cina ad allenare, con l’Atalanta nel cuore”
    Nippo Nappi
  • Il gruppo
    RadiciGroup chiude il 2019 con un fatturato di 1.092 milioni di euro
    radici group
  • La novità
    Dalla ricerca e dall’innovazione di RadiciGroup nasce “Radici InNova”
    radici group
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it