BergamoNews it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Coronavirus: suggerimenti per la vita quotidiana degli anziani

Queste le indicazioni utili per i nostri concittadini anziani e pazienti fragili

Nell’ambito del protocollo di collaborazione tra l’Agenzia di Tutela della Salute di Bergamo e l’Associazione EMDR Italia per affrontare la situazione critica sviluppatasi a causa del Coronavirus, ATS Bergamo ha elaborato – grazie ai contenuti forniti da EMDR Italia – un manifesto informativo dedicato ai consigli e ai suggerimenti per gli anziani e ai pazienti fragili.

Queste le indicazioni utili per i nostri concittadini anziani e pazienti fragili

Mantieni il più possibile le tue abitudini. Il “fare” allenta le tensioni: continua a cucinare se ti piace cucinare, svolgi piccoli lavoretti, leggi un buon libro, occupati della casa o dell’auto.

Attività fisica: qualche semplice esercizio di ginnastica in casa (utile anche la ciclette) può aiutarti a tenerti in forma.

Spegni la TV, la radio e il web. Scegli un solo momento al giorno, lontano dal riposo notturno, per informarti e il canale attraverso il quale vuoi farlo.

Mangia nel modo più regolare e salutare possibile.

Parla e passa del tempo con la famiglia e gli amici. Si può comunicare anche in modi diversi. Fatti spiegare da chi sa già farlo come videochiamare o come usare WhatsApp.

Parla dei problemi con qualcuno di cui ti fidi. Scegli le persone con le quali avere un confronto positivo. Le emozioni positive aiutano!

Ricordati di conversare di altro. Racconta la tua infanzia ai tuoi nipoti, come si passava il tempo senza tablet, giochi elettronici e internet.

Aver paura è normale. La paura che ti porta a seguire le indicazioni che ti vengono date dai medici, come non uscire e isolarti, è una paura protettiva: ASCOLTALA.

Riposati adeguatamente: attività rilassanti serali possono aiutarti a ritrovare la serenità per il sonno.

Se tu stai bene e continui a stare bene anche tutti quelli intorno a te saranno sollevati.

Segui le norme igieniche consigliate dal Ministero della Salute.

L’informazione è importante, meglio consultare solo fonti istituzionali: Ministero della Salute, Istituto Superiore di Sanità e ATS.

Stare in casa ti viene richiesto come contributo per aiutarti e per aiutare.

Seguire le indicazioni in maniera precisa ti permette di aiutare non solo conoscenti, amici e parenti, ma anche tutti gli operatori e i soccorritori che stanno lavorando per chi ha maggiori bisogni di assistenza.

In questi giorni potresti sentirti isolato o abbandonato, avvertire solitudine, irritabilità o confusione, ansia e pensieri ricorrenti. Queste reazioni sono il modo attraverso cui la tua mente sta reagendo allo stress.

ASSOCIAZIONE EMDR ITALIA

L’Associazione EMDR non ha scopo di lucro ed è un’associazione di carattere scientifico in quanto riunisce i professionisti che si occupano di stress traumatico e di interventi specialistici con vittime di traumi psicologici e di situazioni di stress.

Attiva dal 1999, ha fatto in Italia più di 700 interventi in situazioni di emergenza e di disastri collettivi o che avevano colpito delle comunità, oltre ai singoli e a famiglie.

Le ricerche scientifiche nel campo del trauma indicano l’EMDR come uno dei trattamenti più indicati e importanti per le conseguenze di esperienze traumatiche o da stress traumatico, che hanno portato l’Organizzazione Mondiale della Sanità (2013) a consigliare l’EMDR come trattamento efficace e con una base scientifica significativa per i problemi legati a stress e traumatizzazione

Nel 2018, l’Associazione EMDR Italia è stata inserita nell’elenco delle Società Scientifiche delle professioni sanitarie, riconosciute dal Ministero della Salute (ai sensi del dm 2 agosto 2017 – Legge Gelli). L’Associazione diventa così un riferimento che può contribuire a definire le linee guida, per gli interventi in campo psicologico e psicoterapeutico in Italia.

Il 29 dicembre 2018, il Presidente Mattarella ha scelto l’Associazione EMDR riconoscendo l’impegno civile e il contributo che dà alla società, per l’impegno nella solidarietà nel soccorso, per l’attività in favore dell’inclusione sociale, nella cooperazione internazionale, nella tutela dei minori, nella promozione della cultura e della legalità. In particolare l’Associazione è stata premiata “per l’opera di sostegno psicologico che i professionisti dell’associazione offrono, a titolo volontario, alle vittime e testimoni di eventi traumatici”.

© Riproduzione riservata

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.