Coronavirus, Evoca chiude un’altra settimana: “Necessario per garantire sicurezza” - BergamoNews
Fino a lunedì 23 marzo

Coronavirus, Evoca chiude un’altra settimana: “Necessario per garantire sicurezza”

Gli stabilimenti di Mozzo, Valbrembo e Mapello già fermi da lunedì 16 marzo

La Direzione di Evoca, (ex Necta), 1100 dipendenti con sede principale a Valbrembo e altri due siti a Mozzo e Mapello, in una conferenza on line con le Organizzazioni Sindacali ha deciso di proseguire la chiusura e il blocco della produzione fino a domenica 22 marzo.

Evoca è stata la prima a chiudere, tra le grandi fabbriche metalmeccaniche, già lunedì 9 e questa settimana avrebbe riaperto i battenti solo se fosse riuscita a rispettare tutte le norme a tutela della salute delle lavoratrici e dei lavoratori.

“Vista la situazione emergenziale – avvisa Simone Frigeni, di Fim Cisl Bergamo Necta ha deciso di prolungare la chiusura, decisione che apprendiamo con piacere, visto che accoglie quanto da noi richiesto nell’incontro virtuale di venerdì scorso”.

Solo il magazzino di Grassobbio andrà a regime ridotto per le ultime spedizioni.
Agli impiegati verrà chiesto di lavorare in smart working, ma comunque con 2 giorni di stop.

“L’azienda ha comunicato che questa settimana servirà per adottare tutte le misure necessarie per poter programmare la ripresa il giorno 23 marzo – si legge in una nota della RSU – e permettere di lavorare nel rispetto delle regole e comportamenti che dovranno essere garantiti da e per tutti, al fine di evitare situazioni a rischio. Le modalità di copertura delle giornate, verranno valutate nei prossimi giorni, restiamo in attesa di eventuali ammortizzatori sociali qualora venissero autorizzati. Dobbiamo affrontare questa situazione tutti insieme con reale solidarietà e restare uniti e pensare al futuro”.

leggi anche
  • Solidarietà
    Coronavirus, le ragazze del Chievo Fortitudo donano i soldi delle multe all’ospedale di Bergamo
  • Emergenza coronavirus
    Fontana: “In arrivo 140 respiratori, si discute sul progetto Fiera Milano”
  • La cina non è lontana
    “Covid-19, ti sei fatto 8.634 km da Wuhan ad Alzano per portarti via mio fratello”
  • Emergenza coronavirus
    Dalla Brembo 150mila euro per le terapie intensive del Papa Giovanni di Bergamo
  • Emergenza coronavirus
    Autostrade Lombarde dona 30 mila euro agli ospedali di Bergamo e Brescia
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it