BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Coronavirus e lavoro, Cgil: “Corsa contro il tempo, chi produce va messo in sicurezza”

Il segretario generale provinciale Peracchi: “Le priorità sono la riduzione di ogni contatto sociale e la messa in sicurezza di chi deve continuare a lavorare. Prepariamoci intanto ad affrontare il futuro provando a rialzare la testa".

In merito all’accordo Governo-parti sociali sulla salute e sicurezza da garantire nei luoghi di lavoro ai tempi del contagio e sull’atteso decreto “Cura Italia” in discussione in queste ore interviene Gianni Peracchi, segretario generale della CGIL di Bergamo.

“L’accordo tra Governo e parti sociali di sabato mattina e il decreto, in via di promulgazione, per l’emergenza Covid-19, che fornisce indirizzi concreti e stanzia risorse per l’emergenza, sono un altro passo importante per fare fronte a questa gravissima situazione. Situazione in cui, spesso, prevalgono ansie e paura, giustificate, specialmente qui da noi, dove si accompagnano al dolore per la perdita di molti, troppi cari e conoscenti.

Bisogna però rimboccarsi le maniche, prepararci ad affrontare il futuro e provare a rialzare la testa. Va data particolare attenzione al fronte degli operatori socio sanitari e della strumentazione da fornir loro perché possano operare in sicurezza. Sappiamo che i primi provvedimenti ancora non bastano, data l’altissima ‘intensità’ dell’emergenza, ma bisogna seguire questa direzione, riconoscendo lo sforzo immane che Comuni, forze sociali, associazioni, privati e volontari stanno fornendo, a Bergamo, in Italia, in Europa, nel mondo.

Se è vero -come è vero- che ci vorrà ancora del tempo per ritornare alla normalità e, possibilmente, per ripartire, è bene essere consapevoli che non possono esistere oggi provvedimenti risolutori ma che ci troviamo e ci troveremo di fronte ad una sorta di cantiere aperto, in cui si renderanno necessari aggiustamenti , modifiche, integrazioni.

Per adesso la cosa più importante è continuare nell’opera di riduzione di ogni contatto sociale possibile e di messa in sicurezza di coloro i quali devono continuare a lavorare per le produzioni e i servizi indispensabili. Per questa ragione alcune polemiche politiche risultano davvero stucchevoli mentre è apprezzabile lo sforzo da parte di quasi tutti a mantenere unità di intenti in una fase delicata come questa.

È emblematico che il Presidente del Consiglio abbia chiamato direttamente la direttrice del Papa Giovanni, una delle eccellenze ospedaliere a livello globale e la più grande terapia intensiva, oggi, d’Europa, rappresentandole vicinanza e garantendole aiuti concreti.

Purtroppo oggi la rete dei nostri ospedali e il nostro sistema sanitario assistenziale è in grandissimo affanno per la concentrazione di casi gravi in un lasso di tempo brevissimo.

È una lotta contro il tempo.

Risorse e supporti medici, in termini di personale specializzato e di apparecchiature, arrivati in queste ore a Bergamo fanno ben sperare nella capacità del nostro sistema di superare una situazione ormai non più sostenibile. Infine, pur consapevoli della difficile e lunga transizione che abbiamo davanti, ci auguriamo che si arrivi presto in cima alla collina del contagio per imboccare rapidamente la strada della discesa”.

© Riproduzione riservata

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.