Il vescovo Beschi: "Venti sacerdoti ricoverati e questa settimana 6 sono morti" - BergamoNews
A bergamo

Il vescovo Beschi: “Venti sacerdoti ricoverati e questa settimana 6 sono morti”

"Nessuno è esonerato da questa prova, estremamente dolorosa".

Il vescovo di Bergamo Francesco Beschi ne è consapevole e lo dichiara mesto ai microfoni di Rainews24: “Nessuno è esonerato da questa prova, estremamente dolorosa”.

Lo afferma dopo che venti sacerdoti della diocesi bergamasca sono ricoverati colpiti dal contagio da coronavirus e ben sei in questa settimana sono rimaste vittime del Covid-19.

“I nostri sacerdoti sono tanti e sono numerosi quelli che si sono esposti per stare vicino alla loro comunità. Quindi la loro malattia è un evidente segno di vicinanza, un doloroso segno di vicinanza e di condivisione del dolore” spiega il vescovo che non riesce a nascondere la grande tristezza.

leggi anche
  • La testimonianza
    “Mio padre è morto in ospedale senza nemmeno un nostro saluto: un incubo”
    roberta papà
  • La dedica
    A quanti combattono contro il Coronavirus l’inno d’Italia dell’orchestra “La nota in più”
    lanotainpiù
  • Emergenza
    Coronavirus, onoranze funebri: “A Bergamo situazione ormai disperata”
    Cimitero di Bergamo
  • Emergenza coronavirus
    Arrivati rinforzi per i controlli dei carabinieri a Bergamo e in provincia
    carabinieri ok
  • La chiamata
    Salvini ringrazia il vescovo Beschi: “Impegno straordinario per una Bergamo che soffre”
    Beschi Salvini
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it