BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Dalla Brembo 150mila euro per le terapie intensive del Papa Giovanni di Bergamo

Brembo ha inoltre deciso di contribuire alla ricerca su questa epidemia, sostenendo la Fondazione per la Ricerca Ospedale di Bergamo

L’Ospedale Papa Giovanni XXIII, impegnato quotidianamente nel fronteggiare la grave emergenza clinica che sta affrontando il nostro Paese, può oggi contare anche sul sostegno di Brembo.

L’azienda bergamasca ha infatti deciso di dare il suo contributo al settore delle terapie intensive dell’Ospedale, dove sono trattati i casi più critici, che richiedono un’assistenza molto complessa e delicata.

Brembo ha inoltre deciso di contribuire alla ricerca su questa epidemia, sostenendo la Fondazione per la Ricerca Ospedale di Bergamo. “È estremamente importante non solo far fronte rapidamente all’emergenza quotidiana legata alla cura dei pazienti, ma anche utilizzare tutta la conoscenza maturata sino ad oggi su questa epidemia per aiutare, in prospettiva, situazioni analoghe che si possono presentare in altri Paesi”, ha dichiarato Alberto Bombassei, Presidente di Brembo. “Per un’azienda come Brembo, fortemente radicata sul territorio bergamasco, è un dovere sostenere e riconoscere l’impegno profuso quotidianamente da medici, infermieri, dal personale amministrativo e dai tecnici di tutto l’Ospedale che lavorano, senza fermarsi, per
contrastare il COVID-19”.

È convinzione dell’azienda che la ricerca, anche in questo momento critico, sia fondamentale; la raccolta dei dati sull’andamento epidemiologico, sui tipi di trattamento, sui loro risultati costituisce infatti un aiuto straordinario che FROM e l’organizzazione sanitaria di Bergamo possono dare per il futuro.

© Riproduzione riservata

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.