Quantcast
Arrivati rinforzi per i controlli dei carabinieri a Bergamo e in provincia - BergamoNews
Emergenza coronavirus

Arrivati rinforzi per i controlli dei carabinieri a Bergamo e in provincia

Sabato sono state controllate circa 360 persone, per un totale di 22 denunce, in calo rispetto ai giorni precedenti

La provincia di Bergamo, da sabato, registra l’intervento delle squadre del Reggimento Carabinieri Lombardia, contingenti di rinforzo dell’Arma inviati in supporto ai comandi territoriali per intensificare i servizi di controllo straordinario del territorio e gestire eventuali criticità emergenti per l’ordine e della sicurezza pubblica.

La presenza delle squadre operative nella Bergamasca è legata all’esigenza di rafforzare il dispositivo istituzionale nei centri abitati e lungo le principali arterie stradali, per verificare il rispetto della direttiva nelle aree “a contenimento rafforzato” nell’ambito dell’emergenza in corso.

In particolare, le unità di rinforzo forniranno ausilio temporaneo alle numerose pattuglie già presenti sul territorio al fine di accertare, mediante appositi posti di controllo e vigilanza dinamica sul territorio provinciale, il rispetto della direttiva nelle aree “a contenimento rafforzato” che ha introdotto forti limitazioni alla mobilità in tutta la Lombardia, consentendo gli spostamenti delle persone fisiche solo se motivati da esigenze lavorative, situazioni di necessità o per motivi di salute, da attestare mediante apposita autodichiarazione.

leggi anche
carabinieri mascherine ospedali coronavirus nostra
Venerdì sera
Emergenza Coronavirus: scarseggiano spedizionieri, così i carabinieri riforniscono gli ospedali

In merito, nella sola giornata di sabato sono state controllate circa 360 persone, per un totale di 22 denunce, in calo rispetto ai giorni precedenti, a testimonianza del buon grado di accettazione della normativa in atto, pur con qualche eccezione: uno dei fermati, 46enne di Bergamo, era a passeggio con il proprio cane, a più di 30 chilometri da casa; una ragazza di Pradalunga, 18enne, fermata a Gandino ha dichiarato di recarsi dalla nonna inferma, mentre in realtà stava andando da un’amica.

Prosegue, inoltre, l’attività di supporto dell’Arma alle ai presidi ospedalieri della provincia, nonché l’assistenza alle richieste di ogni tipo dei singoli cittadini. Proprio sabato, ad esempio, un anziano che abita da solo in casa isolata di Foresto Sparso ha chiamato la stazione Carabinieri di Sarnico, chiedendo aiuto perché impossibilitato a fare la spesa. In poco tempo, una pattuglia si è recata presso il supermercato più vicino e gli ha comprato il necessario per i prossimi giorni.

Vuoi leggere Bergamonews senza pubblicità?
Iscriviti a Friends! la nuova Community di Bergamonews punto d’incontro tra lettori, redazione e realtà culturali e commerciali del territorio.
L'abbonamento annuale offre numerose opportunità, convenzioni e sconti con più di 120 Partner e il 10% della quota di iscrizione sarà devoluta in beneficenza.
Scopri di più, diventiamo Amici!
leggi anche
Monsignor Francesco Beschi, vescovo di Bergamo
A bergamo
Il vescovo Beschi: “Venti sacerdoti ricoverati e questa settimana 6 sono morti”
roberto calderoli
L'accusa
Calderoli: “A Bergamo escalation di vittime, colpa di chi non ha istituito la zona rossa”
Poliziotti e carabinieri morti covid
Bergamo e provincia
Polzoni, Madotto, Gelmini, Conti: i 4 servitori dello Stato stroncati dal Coronavirus
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI