Coronavirus, finti tecnici che igienizzano la casa: truffe agli anziani nella Bassa - BergamoNews
L'allarme

Coronavirus, finti tecnici che igienizzano la casa: truffe agli anziani nella Bassa

Casi segnalati ad Arcene, Lurano e Mozzanica

In tempo di Coronavirus anche sciacalli e truffatori si sono già attrezzati. Si presentano dicendo di essere tecnici specializzati nel disinfettare le abitazioni. In realtà, cercano di entrare nelle case degli anziani per rubare tutto quello che trovano.

La truffa dei finti igienizzatori è iniziata nei giorni scorsi nella Bassa, approfittando del momento di grande emergenza e preoccupazione che stiamo vivendo.

Le segnalazioni sono state fatte sulle pagine ufficiali delle amministrazioni dei paesi della Pianura bergamasca (tra cui Lurano, Arcene e Mozzanica) che invitano gli abitanti dei comuni a non aprire agli sconosciuti.

Secondo quanto raccontato, i truffatori si presentano vestiti di bianco e con le mascherine sul volto, sostenendo di essere dei tecnici specializzati nel disinfettare le abitazioni.

In realtà, si tratta solo di malviventi (che non potrebbero nemmeno girare liberamente in strada, visti i divieti): “Chiunque dovesse riscontare situazioni analoghe – scrivono su InformArcene – è invitato a darne tempestiva comunicazione alle forze dell’ordine”.

leggi anche
  • Emergenza
    Coronavirus: due bergamaschi gravi trasferiti all’ospedale di Palermo
    Coronavirus (foto Unsplash Cdc Virus)
  • Adiconsum
    Clicca su mail truffa, gli spariscono 24mila euro: attenti alle frodi online
    truffa on line
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it