Quantcast
Mapello, Stezzano, Curno: da lunedì Brembo chiude gli stabilimenti - BergamoNews
Emergenza coronavirus

Mapello, Stezzano, Curno: da lunedì Brembo chiude gli stabilimenti

L'informazione è arrivata ai dipendenti: la Brembo, società per azioni produttrice di freni guidata da Alberto Bombassei chiude gli stabilimenti italiani per una settimana. Tremila lavoratori a casa. Nieri, segretario della Fim Cisl: “Scelta di grande responsabilità”

L’informazione è arrivata ai dipendenti: la Brembo, società per azioni produttrice di freni guidata da Alberto Bombassei, da lunedì 16 marzo chiude gli stabilimenti italiani per una settimana.

La notizia è stata comunicata venerdì mattina con una una videoconferenza a tutte le Rsu del gruppo: da lunedì cancelli chiusi in Bergamasca a Mapello, Stezzano e Curno. Lo stop interessa 3000 lavoratori orobici.

La fermata serve per sanificare i luoghi di lavoro e predisporre misure di riorganizzazione del lavoro più confacenti all’emergenza.  coronavirus.

leggi anche
Luca Bombassei Nembro
Emergenza coronavirus
Luca Bombassei dona 30 mila euro ai volontari di Nembro

Ai dipendenti venerdì è giunta una mail: “A oggi non è possibile sapere quale istituto verrà utilizzato per la copertura della settimana (anche perché si è in attesa che vengano sbloccati gli ammortizzatori sociali). Sarà poi compito delle Rsu e dell’azienda valutare la possibile riapertura o il prolungamento del fermo. In questa settimana saranno presenti in azienda solo i presidi strettamente necessari per effettuare la sanificazione di tutti gli ambienti. Per i luoghi chiusi spogliatoi,uffici verrà utilizzato l’ozono mentre per i luoghi più ampi verrà effettuata manualmente”.

LA NOTA UFFICIALE DI BREMBO

“A causa dell’oggettiva situazione di emergenza nelle aree di Bergamo e Brescia (tra le più colpite al mondo dalla pandemia di COVID-19), dove hanno sede gli stabilimenti italiani di Brembo, l’azienda ha disposto che dal 16 al 22 marzo le proprie attività produttive a Stezzano, Curno, Mapello e Sellero saranno temporaneamente sospese.
La decisione è in linea con le disposizioni straordinarie del Governo Italiano e ha l’obiettivo di tutelare la salute e sicurezza delle persone, a fronte dell’evoluzione della pandemia del COVID-19 e alla conseguente oggettiva impossibilità di operare con continuità.
Brembo ha preso questa decisione con grande senso di responsabilità e d’accordo con tutte le parti sociali coinvolte, per intensificare le misure già adottate fin dalle prime fasi di diffusione del virus e per garantire una maggiore sicurezza e serenità di tutte le proprie persone. L’azienda continua a monitorare con la massima attenzione l’evolversi della situazione ed è pronta a riprendere le proprie attività con l’impegno e lo sguardo rivolto al futuro che da sempre la caratterizzano”.

NIERI (FIM CISL): “SCELTA DI GRANDE RESPONSABILITÀ

“È una scelta di grande responsabilità, che apprezziamo e approviamo – afferma Luca Nieri, segretario generale Fim Cisl Bergamo. Anteporre la tutela della salute dei 3000 lavoratori degli stabilimenti orobici alle aspettative economiche è segno di attaccamento al proprio capitale umano. oggi non è possibile sapere quale ammortizzatore sociale verrà utilizzato per la copertura della settimana, anche perché si è in attesa che vengano sbloccati i fondi destinati a coprire questa emergenza, e sarà poi compito di RSU e azienda valutare la possibile riapertura o il prolungamento del fermo”.
Nella settimana di chiusura saranno presenti in azienda solo i presidi strettamente necessari per effettuare la sanificazione di tutti gli ambienti.

Vuoi leggere Bergamonews senza pubblicità?
Iscriviti a Friends! la nuova Community di Bergamonews punto d’incontro tra lettori, redazione e realtà culturali e commerciali del territorio.
L'abbonamento annuale offre numerose opportunità, convenzioni e sconti con più di 120 Partner e il 10% della quota di iscrizione sarà devoluta in beneficenza.
Scopri di più, diventiamo Amici!
leggi anche
Medico di base
Solidarietà
Italtrans dona 200mila euro: contribuirà a pagare gli stipendi di medici e infermieri
tiramisu foppapedretti
Emergenza coronavirus
Si ferma anche Foppapedretti: smart working e sospensione attività
chiuso
Aziende e trasporti
Sorte: chiudere tutto? Ecco cosa si può, cosa no e perché
Generico marzo 2020
Di fronte all'emergenza
Coronavirus, Bonaldi, Pedrini, Lucchini, Coin… le aziende che sospendono le attività
Credito
Coronavirus, Intesa Sanpaolo: a turno resteranno aperti 900 sportelli
alberto bombassei
Emergenza coronavirus
Dalla Brembo 150mila euro per le terapie intensive del Papa Giovanni di Bergamo
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI