• Abbonati
Luca lorini

“Bergamo, muta la tipologia dei pazienti, arrivano più giovani tra i 40 e 45 anni”

Il direttore dell'Unità di Anestesia e rianimazione 2 del Papa Giovanni: "questi nuovi pazienti si sono ammalati 6-7 giorni fa, hanno cercato di resistere, ma poi i sintomi si complicano e devono essere ricoverati"

Luca Lorini, direttore dell’Unità di Anestesia e rianimazione 2 dell‘Ospedale di Bergamo, a RaiNews24 fa il punto della situazione dei malati più gravi che giungono al Papa Giovanni per contagio da Coronavirus, e le informazioni che dà non sono proprio confortanti.

“Sta mutando, la tipologia del paziente – spiega -: arrivano in ospedale tanti pazienti più giovani e più complicati. Si sono ammalati 6-7 giorni fa, hanno cercato di resistere con la loro giovane età, ma poi i sintomi si complicano e devono essere ricoverati”.

leggi anche
Coronavirus (foto Unsplash Cdc Virus)
Emergenza coronavirus
Ospedali bergamaschi in prima linea: in tanti li sostengono con donazioni

Si tratta di persone tra i 40 e i 45 anni, specifica il direttore, che poi illustra la situazione della terapia intensiva al Papa Giovanni: “La nostra è molto grande, abbiamo 88 posti letto e di questi 60 sono riservati ai malati da Covid-19, 40 di questi per pazienti intubati, gli altri 20 per persone un po’ meno gravi. Qualcuno comincia a guarire, ne sono stati dimessi 9 dall’inizio dei contagi: in questo periodo ne dimettiamo 2- 3 al giorno, ma ne entrano 5 o 6, perciò la situazione non è delle più rosee”.

leggi anche
coronavirus striscione papa giovanni
Emergenza coronavirus
Come donare all’ospedale Papa Giovanni: i conti autorizzati
Vuoi leggere BergamoNews senza pubblicità?   Abbonati!
leggi anche
112
Da condividere
Appello del 112: “Questo è e deve restare un numero di emergenza”
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI