Quantcast
"Noi, bergamaschi, blindati in quarantena a Palermo: curati con amore" - BergamoNews
La lettera

“Noi, bergamaschi, blindati in quarantena a Palermo: curati con amore”

CR, bergamasca, ospite in quarantena all'Hotel Mercure Palermo centro ha scritto una lettera pubblica per raccontare le sue emozioni e ringraziare tutti coloro che le sono stati vicini.

È stata la prima a raccontare a Bergamonews la sua testimonianza di turista bloccata a Palermo a causa del Coronavirus. Ha tenuto per giorni un diario e poi ha deciso di scrivere questa lettera aperta. “Ho scritto le mie emozioni di questi giorni. Vorrei mantenere l’anonimato ma anche che in questi momenti difficili si desse spazio alle cose positive”.

Rispettiamo il suo desiderio e pubblichiamo il suo testo.

“Siamo partiti da Bergamo venerdì 21 febbraio, giorno del mio compleanno, quando non era ancora scoppiata l’emergenza virus.

Rivivo la felicità di essere per la prima volta a Palermo. Il viaggio in Sicilia era il mio regalo di compleanno, mi godevo minuto per minuto la bellezza di questa città, di questa isola, ricca di secoli di storia e di testimonianze artistiche.

Ero anche molto felice di incontrare i palermitani. Voglio bene ai miei amici siciliani che vivono a Bergamo: sono persone straordinarie.

Ho un magnifico ricordo di una collega d’ufficio siciliana: minuta di corporatura, gigantesca di carattere: leale, risoluta, forte!

Mentre godevamo dei mosaici bizantini (e non solo quelli), iniziavano ad arrivate notizie allarmanti da casa: tutti erano preoccupati ed in parte spaventati.

L’ultimo momento felice è fissato dalla foto di lunedì a Cefalù. Mi godevo ogni sfumatura del tramonto sul mare consapevole di essere una persona fortunata.

Generico marzo 2020

Ma di notte abbiamo scoperto di aver portato con noi il virus: sgomento, paura per la nostra salute e dispiacere per Palermo, per aver portato il virus.

I mie tamponi sono sempre risultati negativi. Il pensiero è andato a tutte le magnifiche persone incontrate durante il tour, ho chiesto mentalmente scusa a ognuno. Ripenso al nostro autista, all’uomo “della giacca gialla”, ai ristoratori, alle guide: vorrei rassicurarli e chieder loro di scusarci.

In hotel da due parole gentili di una persona dello staff, ho compreso la vera grandezza dei siciliani e dei palermitani. Non nutrono rancore: hanno capito che è successo e scopro che il loro senso di ospitalità va oltre!

Per quanto è possibile in hotel ci “coccolano” anche se sono in quarantena come noi, lavorano per noi. I locali vicini ci mandano le loro specialità, ci fanno avere libri, una famiglia dirimpettaia ha preparato panelle per tutti e 28, vogliono farci sentire a casa e ci sono vicini; l’emozione è leggere “Sono le persone che fanno i luoghi”.

Il direttore dell’hotel parlando del loro impegno per noi dice “con amore” malgrado tutti i problemi che abbiamo e stiamo ancora procurando! AMORE è una parola grande che tocca dentro; così questa quarantena diventa un momento per riflettere su empatia, ospitalità, sui valori importanti della vita.

Con queste mie righe desidero esprimere la mia profonda gratitudine, il mio sincero ringraziamento alla Sicilia e a Palermo!

In particolare all’hotel Mercure centro, al direttore e al suo personale.

Un grazie di cuore ai nostri magnifici sette eroi!”

CR ospite in quarantena all’Hotel Mercure Palermo centro

leggi anche
giorgio gori
Solidarietà
Da Bergamo tablet e pc per i bimbi di Palermo, Gori: “Siamo in debito con voi”
Giorgio Gori Leoluca Orlando
Il sindaco orlando
“Palermo sostiene con gioia la candidatura di Bergamo capitale della cultura”
Gori Orlando
Venerdì 11
Bergamo-Palermo: dibattito sul futuro tra i sindaci Giorgio Gori e Leoluca Orlando
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it