BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Emergenza Coronavirus: Lombardia e 14 province “chiuse” fino al 3 aprile

Il Governo ha deciso, in un decreto, firmato nella notte, misure restrittive per la nostra regione.

Il Governo ha deciso. Dopo giorni di pressione, di dubbi e di evidenti problemi, perché la scelta è tutto tranne che semplice, ha decretato (probabilmente in serata sarà ufficializzata) la chiusura della Lombardia e di 14 province da domenica 8 marzo e fino al 3 aprile, una Zona rossa anche se leggermente diversa rispetto a quella del Lodigiano.

Cosa significa concretamente? Che ci sono forti limitazioni di movimento e non solo per evitare il propagarsi dei contagi da coronavirus, in quest’area particolarmente diffuso.

Nell’articolo 1 della bozza del nuovo decreto compare il divieto di ingresso e di uscita dalla Lombardia e da altre 14 province, e l’estensione delle zone controllate a Piemonte ed Emilia-Romagna. Nel dettaglio, le province diventate “zona rossa” sono le seguenti: Modena, Parma, Piacenza,Reggio Emilia, Rimini, Pesaro e Urbino, Alessandria, Asti, Novara, Verbano Cusio Ossola, Vercelli,Padova, Treviso e Venezia.

In particolare: evitare in modo assoluto ogni spostamento in entrata e in uscita dalla Lombardia, nonché all’interno del territorio regionale, salvo che per gli spostamenti motivati da indifferibili esigenze lavorative o situazioni di emergenza. Poi la sospensione delle attività sciistiche, la sospensione di eventi pubblici. Chiusi musei, palestre, piscine, teatri, stop ai concorsi pubblici ad esclusione del personale sanitario. Bar e ristoranti dovranno mantenere l’obbligo di distanza di un metro altrimenti l’attività sarà sospesa. Le attività commerciali dovranno rispettare la distanza di un metro per i clienti altrimenti scatterà la sanzione. Se non riescono per motivi strutturali dovranno chiudere.

Divieto di accesso al pronto soccorso, all’hospice.

Le riunioni di lavoro dovranno essere rinviate e si dovrà privilegiare lo smart working.

Il bollettino emesso dall’assessore regionale Giulio Gallera sabato d’altronde non rassicura certo, anzi, e le mappe dello sviluppo del contagio nel giro di pochi giorni inducono a ritenere che tutta la regione sia ormai un focolaio del Covid-19.

decreto lombardia

Ecco il decreto ufficiale

DPCM-20200308.pdf

© Riproduzione riservata

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.