Due anni senza Davide Astori: "Tu, il mio unico posto sicuro nel mondo" - BergamoNews
L'anniversario

Due anni senza Davide Astori: “Tu, il mio unico posto sicuro nel mondo”

Il 4 marzo 2018 il calciatore bergamasco venne trovato morto in una stanza d'albergo di Udine. Il ricordo della fidanzata Francesca Fioretti

"Tu, il mio unico posto sicuro nel mondo, per sempre". Con queste parole Francesca Fioretti ha voluto ricordare il compagno Davide Astori scomparso due anni fa, nel sonno, mentre era in ritiro a Udine con la Fiorentina di cui era capitano.

Sul proprio profilo Instagram la fidanzata del calciatore bergamasco ha postato una fotografia in bianco e nero che la ritrae di spalle con in braccio la figlia Vittoria avuta dal difensore viola nel febbraio 2016 mentre entrambe guardano il mare e l'orizzonte.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Tu, il mio unico posto sicuro nel mondo , per sempre ?.

Un post condiviso da Francesca Fioretti (@francesca_fioretti) in data:

Sono già passati 24 mesi da quella terribile domenica di marzo in cui il mondo del calcio venne sconvolto dalla tragedia del difensore fiorentino, bergamasco di San Pellegrino Terme. Aveva appena 31 anni.

Quel giorno il calcio, sconvolto, decise di fermarsi.

Astori, difensore arcigno ma educato, mai protagonista di un gesto violento o di una parola fuori posto, era rispettato e ben voluto da tutti, compagni e avversari.

Davide Astori con la fidanzata Francesca Fioretti

Nel giorno del secondo anniversario della scomparsa di Astori la Fiorentina lo ricorderà con una messa intima e riservata, celebrata dal cappellano del club, don Massimiliano Gabbricci.

leggi anche
  • Il calciatore bergamasco
    Morte Astori, secondo la perizia del tribunale non poteva essere evitata
    Astori
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it