BergamoNews it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

“L’Istituto di sanità decide se decretare una Zona rossa tra Alzano e Nembro”

Guarito il primario di Alzano, ma c'è una neonata malata e contagiata

È l’assessore al Welfare della Regione Lombardia a dare la notizia martedì pomeriggio nel consueto incontro con i giornalisti: “L’Istituto superiore della Sanità sta valutando un Zona rossa in Bergamasca. Nell’area di Nembro e Alzano Lombardo c’è un forte incremento di casi: abbiamo chiesto a chi di dovere di fare delle nuove valutazioni e di comunicarci a noi e al Governo come è meglio muoversi. Bergamo oggi ha il numero più alto di contagiati, anche più della zona di Lodi e dei suoi focolai”.

I numeri a martedì sera: in Bergamasca i morti salgono a 13, gli ultimi: un 88enne di Villa di Serio, un uomo di 67enne di Romano, un 78enne di Brusaporto, una 89enne di Albino, un 73enne di Sorisole, un 82enne di Alzano.

I positivi al Coronavirus sono cresciuti in un giorno di 129 e sono 372; a Nembro 58 casi, a Bergamo 33, ad Alzano 26, a Zogno 22, ad Albino 16 e a Villa di Serio 14. 

Poi: 8 a Seriate, 7 a Torre Boldone, 6 a Gazzaniga e Treviglio, 5 a Romano e San Giovanni Bianco, 4 aBrusaporto, Calvenzano, Gandino, Gorle, Ponteranica, Sarnico, Scanzorosciate, Sorisole, Telgate, Vertova, 3 a Cene, Dalmine, Fiorano, Grumello, Martinengo, Ponte Nossa, Pradalunga, Ranica, Villa d’Almè, 2 ad Aviatico, Caravaggio, Casnigo, Castelli Calepio, Cavernago, Cazzano, Costa di Mezzate, Covo, Curno, Grassobbio, Lovere, Montello, Mozzo, Onore, Osio Sotto, Peia, Ponte San Pietro, Sedrina, Selvino, Spinone al Lago, Sovere, Spinone, Terno, Treviolo, Verdello, Zanica, 1 infine a Cividate,  Albano, Almè, Arcene, Ardesio, Azzano San Paolo, Bariano, Bolgare, Boltiere, Bonate Sopra, Brignano, Calcinate, Capriate, Caprino, Capizzone, Carobbio, Casirate, Cenate Sopra, Chiuduno, Cisano, Clusone, Colzate, Comun Nuovo, Costa Volpino, Credaro, Fara Gera d’Adda, Fino del Monte, Fontanella, Gandosso, Ghisalba, Mapello, Pedrengo, Pumenengo, Ranzanico, San Paolo d’Argon, Santa Brigida, Solza, Sotto il Monte, Suisio, Torre de’ Roveri, Trescore, Val Brembilla, Valbondione, Verdellino, Villa d’Adda, Villongo, Zandobbio.

Alla domanda se sia auspicabile la nuova Zona rossa, Gallerà risponde: “Quello che sta emergendo è che i presidi ospedalieri in quelle due-tre zone più colpite sono molto sotto pressione, mentre nelle altre aree della Lombardia sono spazi e uomini da poter mettere disposizione. Finché riusciamo a gestire così, può andar bene, ma se l’infezione si propaga nel resto della regione il sistema non è in grado di reggere Perciò il numero in crescita dei contagi in Bergamasca merita una seria riflessione per evitare che si propaghi in altre aree della regione. Se il modo unico, secondo  l’Istituto Superiore di Sanità è fare una nuova zona rossa, allora facciamola. L’ISS – annuncia – sta per fare una comunicazione ufficiale a noi e al governo”. Quindi la decisione è attesa nella giornata di mercoledì.

Sono diventati più di 1500 i contagiati lombardi da Coronavirus. Ma ci sono anche, soprattutto, buone notizie. Su tutte, le dimissioni dall’ospedale di Legnano, dove si trovava ricoverato, del primario dell’ospedale di Alzano Lombardo.

“I pazienti positivi al Coronavirus ad oggi, mercoledì 3 marzo, sono diventati 1520. Di questi – ha spiegato l’assessore – 698 sono ospedalizzati, 167 ricoverati in terapia intensiva e 461 in isolamento domiciliare. I deceduti sono invece 55”.

Un neonato di 20 giorni è ricoverato al Papa Giovanni di Bergamo”, ha spiegato Gallera e dall’ospedale precisano che è una bambina, arrivata lunedì con sintomi respiratori ed è ricoverata in patologia neonatale in isolamento sotto osservazione. Il tampone è positivo ma respira da sola e la situazione non risulta particolarmente compromessa.

Nella Bergamasca i casi accertati di Coronavirus sono dunque 372. L’incremento tra lunedì e martedì è di 129. A Lodi, invece, i nuovi casi sono 98 (in totale 482),

Tramite un post sulla pagina ufficiale del comune di Spinone al Lago, il sindaco Simone Scaburri, comunica che nel comune si è verificato il primo caso di coronavirus.

Un nuovo caso anche a Bariano, come ha spiegato con un post su Facebook il sindaco Andrea Rota.

I tamponi, ha spiegato ancora l’assessore Gallera, in questi ultimi giorni vengono fatti solo ai pazienti che presentano situazioni critiche o che si presentano in pronto soccorso con sintomi riconducibili al Coronavirus.

“La patologia sta aumentando in maniera costante – ha continuato Gallera -, ma le misure in atto stando dando i loro frutti. Ora inizieremo a pubblicare delle locandine per spingere gli over 65enni a restare in casa”.

© Riproduzione riservata

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.