BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Spacciatore cerca di evitare l’arresto: “Sono stato a Codogno, ho il Coronavirus”

M.C., 45enne pregiudicato, è stato condotto in ospedale per accertamenti

Da alcuni giorni in via Donati di Casirate d’Adda i residenti avevano notato un inconsueto viavai di giovani al civico 15 e, temendo fosse in atto un’attività illecita, lo avevano segnalato ai Carabinieri della Sezione Radiomobile del Comando Compagnia Carabinieri di Treviglio.

Dopo alcuni mirati servizi, venerdì pomeriggio gli uomini dell’Arma hanno così rintracciato e tratto in arresto un italiano che abita lì, resosi responsabile di spaccio di sostanze stupefacenti.

A seguito di riscontro tramite alcuni acquirenti fermati nelle immediate vicinanze dell’abitazione di M.C., 45enne pregiudicato da tempo residente in paese, i militari hanno poi raggiunto l’uomo mentre saliva a bordo della sua vettura e, con la perquisizione personale e domiciliare, hanno rinvenuto ulteriori diverse dosi di sostanze stupefacenti.

La perquisizione – che complessivamente ha consentito di sequestrare sette piccoli pezzi di hashish e 12 grammi di marijuana – ha portato gli investigatori a trovare anche diverse banconote da 20 euro false, anch’esse poste in sequestro in attesa di ulteriori accertamenti.

Sequestrati anche 770 euro ritenuti provento dell’illecita attività ed occultati in più punti dell’appartamento.

Condotto negli Uffici del Comando, durante le fasi del fotosegnalamento indispensabile per le persone tratte in arresto, ha però palesato un malore asserendo di essere stato nei giorni precedenti a Codogno, paese notoriamente inserito nell’area rossa per l’emergenza sanitaria da Coronavirus.

È stato così avviato il protocollo sanitario. Negli uffici di polizia è sopraggiunto personale sanitario che ha poi condotto l’arrestato all’ospedale di Treviglio dove, dopo aver accertato che il viaggio a Codogno risaliva ad oltre due settimane fa, l’uomo è stato riconsegnato ai carabinieri che in mattinata lo condurranno al Tribunale di Bergamo per il giudizio per direttissimo.

© Riproduzione riservata

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.