BergamoNews it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Davide, morto a 17 anni: frenata disperata prima dell’impatto contro il furgone

Uno scontro violentissimo lungo via Tonale ad Albano Sant'Alessandro nella serata di giovedì 27 febbraio: il conducente del furgone indagato per omicidio stradale.

Un impatto violentissimo contro un furgone, inevitabile nonostante la decisa frenata fatta dalla sua moto: Davide Barcella, 17 anni appena, è morto così nella serata di giovedì 27 febbraio ad Albano Sant’Alessandro.

Tutto è successo in pochissimi, velocissimi istanti: alle 18.30 circa di giovedì 27 febbraio, il 17enne in sella alla sua moto da cross stava percorrendo via Tonale da Seriate in direzione di casa, a San Paolo d’Argon, quando improvvisamente si è visto svoltare davanti un furgone di una azienda di camper che procedeva nella direzione opposta.

Lo scontro contro la fiancata destra del furgone, di fronte al punto vendita Sapore di Mare, è stato violento: il ragazzo, scaraventato a terra, è apparso subito in condizioni disperate.

Sul posto in pochi minuti sono arrivate un’ambulanza e un’automedica: il personale sanitario, nonostante i lunghi tentativi di rianimarlo, ha potuto solo constatare il decesso del giovane. Con loro, per i rilievi del caso, anche una volante della Polizia Stradale di Treviglio.

La salma del 17enne è stata composta nella camera mortuaria dell’Ospedale Papa Giovanni XXIII di Bergamo, in attesa dell’autopsia disposta dal Pm.

Nel frattempo il conducente del furgone, 52 anni, è stato indagato per omicidio stradale.

© Riproduzione riservata

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Francesco Giuseppe

    Si comincia! Il disinteresse totale della maggior parte di chi guida un’auto o un altro veicolo a 4 ruote verso chi va in moto, rispettando la destra, con il faro acceso, fa uccidere i motociclisti. Tutti gli anni è la stessa cosa. Moto cui viene tagliata la strada, che sbattono contro l’auto che si trovano di fronte improvvisamente. Nei rondò, agli stop, nella precedenze da dare quando si gira a sinistra o destra, alle moto, per il 90% dei casi è l’auto che no rispetta la moto. Sarebbe ora di un maggior rispetto dei motociclisti per evitare simili tragedie continue. Le forze dell’ordine, invece di guardare solo le fotografie degli autovelox /più facile, meno faticoso e più redditizio)dovrebbero controllare un po’ di più queste cose agli incroci:non uso delle frecce, mancate precedenze anche da parte dei ciclisti, altrettanto pericolosi per i motociclisti, ecc. Certo è più faticoso il lavoro sul campo che in ufficio con le foto…