BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Preso rapinatore delle farmacie: 72 anni, l’ultimo colpo con mascherina anti-virus

Arrestato in flagranza insieme a un complice nel pomeriggio di martedì 25 febbraio, dopo aver colpito in un supermercato di Pontoglio: il volto travisato da una mascherina anti-contagio.

Per l’ultima rapina ha sfruttato la psicosi del momento: per travisare il suo volto, infatti, ha usato una mascherina anti-contagio, di quelle introvabili in questi giorni dopo la diffusione in Lombardia dei casi di Coronavirus.

Da dicembre a febbraio ha messo a segno 9 colpi, di cui sette in farmacia, soprattutto nella Bassa Bergamasca: solo due le eccezioni, il 17 febbraio in Città Alta e nel pomeriggio di martedì 25 quando i carabinieri della compagnia di Treviglio lo hanno arrestato a Pontoglio dopo una rapina al supermercato Rondò insieme a un complice occasionale. 

A finire in manette M.A., 72enne di Zanica con un lungo passato criminale, e C.G., 32enne formalmente residente a Pavia ma di fatto senza fissa dimora, con precedenti specifici per reati contro il patrimonio.

I due sono entrati in azione attorno alle 14, arrivando sul posto a bordo di un furgone bianco, di proprietà della ditta di pulizie per la quale lavora il 72enne: nel supermercato hanno fatto irruzione con il volto travisato dalle mascherine e armati di machete e pistola, poi rivelatasi giocattolo, minacciando le due cassiere presenti in quel momento e facendosi consegnare l’incasso di circa 1.400 euro.

Il 72enne è poi fuggito in bici (come aveva fatto anche dopo la rapina alla farmacia di Città Alta e in diversi altri colpi) mentre il più giovane si è dileguato a piedi: ma sulle tracce del più anziano già da giorni c’erano i militari dell’Arma che con discrezione lo pedinavano costantemente.

Così in pochissimo tempo, i carabinieri della sezione operativa di Treviglio sono intervenuti insieme ai colleghi del Nucleo radiomobile, coadiuvati dai militari della compagnia di Chiari e dal secondo nucleo elicotteri di Orio al Serio.

Il più anziano è stato subito bloccato e messo in sicurezza mentre il più giovane, che era riuscito a nascondersi in un boschetto poco distante dal supermercato, è stato individuato poco più tardi grazie alle telecamere termiche dell’elinucleo: i due si trovano ora in carcere a Brescia.

Al 72enne di Zanica i carabinieri sono arrivati grazie a un’attività investigativa durata mesi: dopo le prime rapine alla farmacia della frazione Basella di Urgnano (19 dicembre e 2 gennaio), il 72enne era riuscito a colpire con le stesse modalità anche nelle farmacie di Martinengo (4 gennaio), Pumenengo (7 gennaio), Verdello (16 gennaio) e Levate (27 gennaio).

Eventi ripetuti che avevano indotto i militari a mettere in campo una massiccia opera di prevenzione, con continui pattugliamenti a sirene accese nelle zone limitrofe alle 82 farmacie del territorio sotto la loro giurisdizione: un intervento che ha spinto il rapinatore a cambiare obiettivo e strategia, dato che già l’8 febbraio era entrato in azione al supermercato Tigotà di Urgnano.

Un colpo che, a differenza di quelli nelle farmacie, non era stato in grado di preparare con la solita attenzione: nel farlo, infatti, non aveva studiato i sistemi di videosorveglianza che riprendendolo hanno consegnato ai carabinieri preziosissimo materiale investigativo. 

È in quell’occasione, infatti, che si mettono in relazione il furgone bianco e la bicicletta con la quale il 72enne era solito allontanarsi dopo le rapine, sempre svolte a volto travisato con caschi o maschere e con indumenti diversi: tutti i testimoni, infatti, riferivano sempre di una fuga su due ruote mentre il rapinatore, pochi metri più avanti, la caricava sul retro del mezzo e faceva perdere le proprie tracce indisturbato.

Nel suo curriculum da quel momento farà in tempo a inserire solo una rapina andata a buon fine, quella del 17 febbraio in Città Alta, mentre il colpo di Pontoglio è finito con l’arresto in flagranza.

Un successo per i carabinieri che negli ultimi mesi hanno contattato e consigliato direttamente i farmacisti sui metodi di prevenzione delle rapine e sui comportamenti da tenere in caso di evento.

 

 

© Riproduzione riservata

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.