BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Coronavirus, pub Sant’Orsola costretto a chiudere: “Brutto colpo, non so se riapriremo”

Dopo l'ordinanza regionale, lunedì alle 18 il titolare Francesco Pappi ha abbassato le saracinesche: "Provvedimento assurdo"

Più informazioni su

Costretto a chiudere per l’ordinanza regionale anti-Coronavirus, il titolare del pub Sant’Orsola attacca gli amministratori, regala birra e annuncia che non sa se riaprirà. Lunedì 24 febbraio alle 18 in punto Francesco Pappi ha abbassato le saracinesche del rinomato locale del centro città.

Il provvedimento, che riguarda le attività commerciali nella zona gialla (cioè fuori dai dieci Comuni completamente isolati nella zona rossa), è stato comunicato dal sindaco Giorgio Gori agli esercenti cittadini nella serata di domenica: “Bar, locali notturni e qualsiasi altro esercizio di intrattenimento aperto al pubblico sono chiusi dalle ore 18 alle 6; verranno definite misure per evitare assembramenti in tali locali”, recita l’ordinanza di Regione Lombardia.

Una decisione che non va giù a Pappi: “La chiusura in un periodo come questo è una botta durissima  per noi – spiega il titolare del pub – . C’è il Carnevale, la Champions, l’Atalanta che va a gonfie vele. Le ultime serate avevamo registrato ottimi incassi e così sarebbe stato in questi giorni. Purtroppo, invece, siamo costretti a fermarci”.

“Capisco il momento, anche se secondo me l’allarmismo è eccessivo, ma queste decisioni sono sbagliate e discriminatorie. Assurde. E chi le prende dovrebbe pensarci bene perchè rischia di mettere in ginocchio attività come la nostra”, prosegue Pappi.

Nella stessa situazione del Sant’Orsola, ci sono altri locali cittadini: “Ne ho parlato con alcuni colleghi e tutti sono preoccupati – rivela Pappi – . Tra l’altro io ho sei dipendenti e adesso devo capire cosa fare con loro”.

Prima di chiudere, però, Pappi ha pubblicato un post sulla pagina Facebook del locale per salutare i clienti e annunciare che lunedì avrebbe regalato la birra che aveva negli ultimi fusti: “Piuttosto che farla andare a male, ho preferito fare un dono ai nostri fedelissimi. Sperando che non sia l’ultimo”.

© Riproduzione riservata

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da luca casati

    E’ imbarazzante la pochezza dei nostri politici. Norme discriminatorie e vessatrici. Se si deve soffrire, si soffre tutti, non solo una categoria… che poi almeno Macchiavelli avrebbero dovuto studiarlo questi genialoidi. Mi spiace per il locale se dovrà chiudere e per i dipendenti che ne subiranno le conseguenze. E all’ imbecille che pensa ” chiuso un locale ne aprirà un altro” farei vivere la vita di chi sarà licenziato.