BergamoNews it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Al Tour del Monseca vince il fair play tra Boffelli ed Eydallin

Nella classica della Val Bognanco lo scialpinista bergamasco William Boffelli ha aiutato l’ “Eyda Nazionale”, prestandogli le sue pelli, che ha restituito il favore lasciandolo vincere.

Al Tour del Monscera ha vinto la sportività del bergamasco William Boffelli e del torinese Matteo Eydallin: lo scialpinista di Bergamo ha aiutato l’ “Eyda Nazionale”, prestandogli le sue pelli, che ha restituito il favore lasciandolo vincere. Bellissimi gesti di fair play sportivo.

Domenica scorsa, durante la 37ª edizione del Tour del Monscera, Memorial Adriano Maccagno, un percorso di skialp che si sviluppa nella magnifica conca del Monscera e che interessa quattro cime per un dislivello complessivo superiore ai 2.500 metri ed una lunghezza di oltre 20 km, Matteo Eydallin, che era in testa, ha avuto problemi con le pelli e si è fatto raggiungere da William Boffelli, che l’ha aiutato dandogli le sue.

Il percorso, lungo 20 chilometri e con un dislivello complessivo superiore a 2500 metri, inizia e finisce all’Alpe San Bernardo. I due sono arrivati insieme al traguardo con l’atleta torinese dell’Esercito che ha lasciato sfilare per pochi centesimi di vantaggio l’amico rivale e imponendo, nel contempo, severi distacchi ai diretti avversari. Per loro finish time di 2h26’53”. Terzo posto per il trentino Valentino Bacca 2h34’41”. Dietro loro, nell’ordine, Filippo Beccari e Marc Hochstaffl. Ritirato causa mal di schiena Damiano Lenzi.

Prima donna Giulia Compagnoni ex aequo con Katya Tomatis in 3h09’28”. Sul podio con lei è salita pure Tatiana Locatelli (3h44’52”). La gara era anche valida per il Campionato italiano Master Over 45 anni: titoli a Claudia Titolo ed a Christof Niederweisser.

“Dopo una gara un po’ pazza – ha scritto William Boffelli sulla sua pagina Facebook – arriva per me una vittoria inaspettata. Grazie comunque a Matteo Eydallin che al di là della sfortuna oggi sul campo era comunque il più forte”.

© Riproduzione riservata

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.