BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Tour des Alpes Maritimes et du Var: Quintana vince la seconda tappa, quinto posto per Fausto Masnada

Il 26enne di Laxolo ha terminato la propria prova con 40 secondi di distacco dal colombiano del Team Arkea-Samsic

Prime uscite stagionali e prime soddisfazioni per Fausto Masnada.

Il 26enne di Laxolo si è mostrato subito a proprio agio con la nuova maglia della CCC Team terminando al quinto posto la seconda tappa del Tour des Alpes-Maritimes et du Var svoltasi nel pomeriggio di sabato 22 febbraio

La frazione, caratterizzata da oltre 3700 metri di dislivello, ha visto protagonisti nelle prime fasi di gara la fuga di otto corridori, in grado di guadagnare un vantaggio superiore ai tre minuti.

Il forcing imposto dal Team Arkea-Samsic e dall’Ag2r-La Mondiale ha consentito al plotone di recuperare mano a mano i battistrada fra i quali spicca il nome del coraggioso Damian Luscher (Swiss Racing Academy), unico a provar a resistere al rientro degli avversari, mantenendo elevato il ritmo in vista del Col d’Eze.

A mischiare le carte sulla salita conclusiva ci ha pensato Nairo Quintana (Team Arkea-Samsic) che, nonostante i tentativi del bergamasco e di Thibaut Pinot di seguire la sua ruota, ha fatto il vuoto distanziando di 40 secondi il gruppetto regolato da Simon Clarke (EF Pro Cycling).

Terza posizione per il francese Lilian Calmejan (Total Direct Energie), mentre il capitano della Groupama-Fdj e il brembillese hanno completato la top five, manifestando una buona condizione di forma.

“È stata una tappa molto dura. Oggi devo ringraziare tutto il team perché hanno fatto un ottimo lavoro per aiutarmi a iniziare l’ultima salita nelle prime posizioni del gruppo. Eravamo l’unica squadra con tutti i  componenti presenti– ha dichiarato Masnada dopo il traguardo -. Quanto a me, sapevo di sentirmi bene e ho provato a seguire Quintana quando ha attaccato a quattro chilometri dal traguardo. Eravamo io e Thibaut  all’inseguimento, ma era impossibile raggiungerlo. Negli ultimi duemila metri  sono rientrato nel gruppo inseguitore e ho dato il massimo per cercare una buon risultato nello sprint finale. Ho finito in quinta posizione e sono felice. Domani ci sarà un’altra frazione difficile e proverò a migliorare ancora”

© Riproduzione riservata

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.