Mondiali Universitari di corsa campestre, convocato Sebastiano Parolini - BergamoNews
Di gandino

Mondiali Universitari di corsa campestre, convocato Sebastiano Parolini

Messosi in luce durante la rassegna nazionale grazie al bronzo conquistato sui 3000 metri, il 22enne di Gandino ha convinto i tecnici a convocarlo per la kermesse fissata per il prossimo 4 marzo.

Tre titoli, otto medaglie: è questo il bilancio dei Campionati Italiani Indoor junior e promesse per l’atletica bergamasca, un risultato più che lusinghiero che ha confermato l’ottimo stato di salute del movimento di casa nostra.

La rassegna tricolore non ha soltanto offerto un momento di gioia per i giovani orobici, ma anche un’opportunità per alcuni di loro di vestire la maglia azzurra.

È il caso di Sebastiano Parolini (Gruppo Alpinistico Vertovese) che, dopo la partecipazione agli Europei di cross, rappresenterà il nostro Paese ai Campionati del Mondo Universitari in programma a Marrakech.

Messosi in luce durante la rassegna nazionale grazie al bronzo conquistato sui 3000 metri, il 22enne di Gandino ha convinto i tecnici a convocarlo per la kermesse fissata per il prossimo 4 marzo.

Medesimo discorso per Federico Manini (Atletica 100 Torri Pavia) e Gabriele Tosti (Bergamo Stars Atletica) che sono stati inseriti nel novero dei 27 giovani italiani che prenderanno parte all’incontro internazionale al coperto di Minsk.

La competizione, in calendario nella capitale bielorussa il 25 e il 26 febbraio prossimi, vedrà il velocista di Caravaggio protagonista nei 60 metri e nella staffetta, mentre il 18enne di Villa di Serio si cimenterà nel salto in lungo.

L’evento, che vedrà la presenza di atleti provenienti da dodici nazioni, sarà anche la prima occasione per testarsi in vista dei Mondiali di categoria al via a Nairobi il prossimo luglio.

commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it