BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Dalla Persico Marine decollano le barche volanti Persico 69F

Il cantiere bergamasco, da cui sono uscite Luna Rossa AC75 e le barche della ex Volvo Ocean Race, costruisce una barca a vela monoscafo volante e lancia un ambizioso circuito di regate di classe

Dal cantiere bergamasco della Persico Marine “decollerà” una barca a vela monoscafo volante, progettata dalla società argentina Wilson-Marquinez, per offrire al più ampio pubblico velico un piccolo foiler, utilizzando un concetto preso in prestito dall’AC75, la nuova barca per la 36a America’s Cup. Marcello Persico, CEO del cantiere Persico Marine, e Giorgio Benussi, COO della società che ha avviato il progetto, hanno annunciato l’avvio della produzione in serie del monoscafo one design foiler Persico 69F.

Il prototipo ha già navigato molti giorni sul Lago di Garda dove è stato testato da velisti di rango, tra tutti spicca il plurimedagliato olimpico Santiago Lange, una leggenda vivente della vela, che ha fatto propria anche l’iniziativa di una Academy per divulgare la navigazione in foiling e formare i team che vorranno prendere parte al neonato circuito di regata Persico 69F Cup.

Persico Marine, le cui competenze nel campo dello yachting da regata sono un unicum a livello internazionale, per costruire l’innovativo 69F si è avvalso del suo know-how acquisto con la costruzione in strettissima monotipia delle barche one design più grandi, evolute e performanti attualmente in navigazione: i VO65. Sempre restando in tema di one design allo stato dell’arte, Persico Marine è Official Supplier per la prossima America’s Cup che si disputerà a Auckland nel 2021, con la produzione dei famosi bracci, forniti perfettamente uguali a tutti i team partecipanti, che sostengono in foiling gli avveniristici AC75.

Con l’avvio della produzione del 69F, Persico Marine diventa a tutti gli effetti un brand che produce e distribuisce una propria barca che ha già riscosso molto interesse nelle fasi preliminari.

Lungo 6.90 metri, da cui la sigla numerica, il nuovo Persico 69F presenta un corpo canoa in carbonio estremamente leggero, una carena con stabilità di forma che colma il divario attuale tra le più performanti classi dislocanti e le barche puramente foiling. Pensata per un equipaggio di 3 velisti, la barca propone le terrazze invece del trapezio, in modo da permettere manovre più facili e uno stile di navigazione più sicuro, foil a V, un timone a T, una deriva a baionetta e 40 mq (più un Code 0 di 45mq) di superficie velica che già a 7 nodi sollevano dall’acqua i suoi soli 380 kg. Volendo costituire equipaggi misti uomo-donna, sarà possibile regatare anche in quattro.

Persico Marine non solo produrrà l’imbarcazione, ma si occuperà della sua vendita e assistenza. Per la prima volta una classe one design parte con un “Six-pack”, un pacchetto di 6 barche che trovano posto in un container standard di 40 piedi. Saranno tutte charterizzabili per la stagione 2020 sia per il circuito in programma che per altre iniziative, mentre le barche successive verranno rese disponibili per l’acquisto da parte di singoli armatori, circoli velici e altri organizzatori di eventi.

Le regate del Persico 69F vedranno la luce già quest’anno e prevedono quattro Act: Cagliari in occasione dell’America’s Cup World Series, Ginevra per il Bol d’Or, Gargnano sul lago di Garda in luglio chiudendo infine a Trieste con il palcoscenico della Barcolana. Caratteristica fondamentale del circuito sarà la formula “Ready to Race” che offre la possibilità ai team di regatare senza farsi carico dell’acquisto, gestione e logistica della barca, una grande semplificazione che garantisce un sensibile contenimento dei costi. Questa forma di boat sharing permette inoltre di limitare l’impatto ambientale, grazie al trasporto collettivo e all’uso della stessa imbarcazione da parte di più team.

Non solo: i gommoni per i coach e mezzi di sicurezza saranno garantiti dall’organizzazione, minimizzando così la necessità e l’impatto di un numero eccessivo di mezzi in acqua.

“Si tratta di un passo significativo per il nostro cantiere – afferma il CEO Marcello Persico – perché aggiungiamo una produzione a nostro marchio alla costruzione di barche one off ad alte prestazioni, per le quali Persico Marine è stata sinora internazionalmente apprezzata.Il Persico 69F è un progetto perfettamente coerente con il nostro DNA tecnologico e sportivo”.

Giorgio Benussi ha inoltre aggiunto: “Sono lieto di vedere che questo progetto così innovativo che abbiamo sviluppato per oltre un anno lontano dalle luci della ribalta sia oggi pronto al suo debutto sul mercato con la costruzione in perfetta monotipia a marchio Persico. Avremo sei barche pronte per regatare a Cagliari”.

Conclude Santiago Lange: “Il foil è l’attualità della vela, l’aspirazione delle nuove generazioni di velisti. Il Persico 69F è la perfetta sintesi di tutto ciò: sta segnando il percorso verso il futuro della vela grazie ai suoi contenuti di innovazione, di apertura del foiling al più alto numero possibile di appassionati, di sostenibilità anche economica. Sono orgoglioso di far parte di questo progetto, di aver dato il mio contributo in fase di messa a punto, di promuovere questa iniziativa come ambasciatore nel mondo”.

© Riproduzione riservata

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.