Quantcast
Casi di Coronavirus: a Bergamo, Seriate e ad Alzano - BergamoNews
Il contagio

Casi di Coronavirus: a Bergamo, Seriate e ad Alzano

Concluso alle 16 il vertice di massima urgenza in Prefettura, iniziato alle 13 di domenica 23 febbraio, con tutte le autorità per affrontare la situazione.

Primi casi di contagio da Coronavirus nella Bergamasca: 3 persone sono risultate positive agli ospedali di Bergamo, Seriate e di Alzano Lombardo.

Le informazioni sono ancora poche e alle 16.30 si è concluso il vertice di massima urgenza in Prefettura, iniziato alle 13 di domenica 23 febbraio, con tutte le autorità per affrontare la situazione.

Dal Comune di Alzano lombardo la conferma di casi nell’ospedale locale: “Abbiamo avuto notizia da poco dalla Direzione Sanitaria di due casi di infezione da Coronavirus all’ospedale di Alzano Lombardo, evento che per effetto del Decreto approvato ieri dal Governo, fa scattare da subito le misure straordinarie di tutela della salute pubblica varate dal governo. La situazione evolve di ora in ora e siamo in attesa di conoscere le misure specifiche che saranno adottate e delle quali vi daremo conto appena possibile, nel frattempo in via prudenziale vi invitiamo a limitare le uscite dai propri domicili”.

Pronto soccorso Alzano chiuso

Fino a sabato sera nessun caso era accertato, con quattro casi sospetti esaminati dall’ospedale Papa Giovanni di Bergamo, mentre altri due ne sono arrivati domenica mattina: uno di questi è risultato positivo al virus. Il pronto soccorso dell’ospedale di Alzano lombardo è chiuso.

 

Vuoi leggere Bergamonews senza pubblicità?
Iscriviti a Friends! la nuova Community di Bergamonews punto d’incontro tra lettori, redazione e realtà culturali e commerciali del territorio.
L'abbonamento annuale offre numerose opportunità, convenzioni e sconti con più di 120 Partner e il 10% della quota di iscrizione sarà devoluta in beneficenza.
Scopri di più, diventiamo Amici!
leggi anche
sindaci bergamaschi riunione coronavirus
Un anno dopo
I ricordi dei sindaci: “Impreparati e confusi davanti a un dramma inimmaginabile”
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI