Elezioni a Clusone, in primavera si va alle urne: i primi nomi e le indiscrezioni - BergamoNews
Valseriana

Elezioni a Clusone, in primavera si va alle urne: i primi nomi e le indiscrezioni

L'unica candidatura certa è quella di Massimo Morstabilini, con il gruppo “Clusone al Massimo”. Per la lista dell'attuale sindaco Olini spunta il nome della vice Antonella Luzzana

In primavera, in occasione della tornata elettorale del 2020, i cittadini di Clusone saranno chiamati alle urne per eleggere il nuovo sindaco.

Il paese dell’alta Valle Seriana, 8.600 abitanti, è guidato da dieci anni dal primo cittadino Paolo Olini, eletto per la prima volta il 28 marzo 2010 con il 49,6% dei consensi e riconfermato il 31 maggio 2015. Allora gli sfidanti di Olini erano tre: Massimo Morstabilini, Laura Poletti e Francesco Moioli. La squadra dell’attuale sindaco, sostenuta da Lega Nord, Forza Italia e Fratelli d’Italia, ha vinto le elezioni con il 38% dei voti.

In occasione della nuova tornata elettorale iniziano a circolare le prime indiscrezioni. E le prime conferme. Il primo nome, certo, è quello di Morstabilini, attuale capogruppo della lista di minoranza “Clusone Viva”, che ha già ufficializzato la sua candidatura a sindaco. Il suo gruppo in corsa per le elezioni si chiama “Clusone al Massimo”: la squadra è già al lavoro e ha trovato una sede in Via Carpinoni, nel centro storico del paese. Uno spazio aperto a tutti i cittadini.

Per quanto riguarda la lista di Olini, a spuntare è il nome dell’attuale vicesindaca, Antonella Luzzana, anche se per ora non vi è alcuna ufficialità. Lega Nord e Fratelli d’Italia saranno sicuramente presenti alle elezioni, ma in paese si era anche fatta largo la voce di una lista composta da giovani del Carroccio. Tanti indiscrezioni in attesa dell’ufficialità. Quella che, per ora, accompagna solo il nome di Massimo Morstabilini.

commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it