BergamoNews it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Asportazione di materiale e smaltimento illecito nel fiume Dezzo: 5 indagati

Nell’ambito dell’operazione sono stati posti sotto sequestro due escavatori, un autocarro e un area di circa 700 metri nella sede dell’impresa esecutrice dove veniva stoccato il materiale indebitamente asportato dall’alveo del fiume

Più informazioni su

Un’importante operazione in materia di tutela ambientale e del patrimonio ittico è stata portata a termine dalla Polizia provinciale di Bergamo in Valle di Scalve, tra i comuni di Colere e Azzone.

Al centro dell’attenzione degli agenti di via Tasso il torrente Dezzo nei pressi del quale – in località “Saccolino” – è in fase di realizzazione un impianto idroelettrico con derivazione proprio dalle acque del torrente. Le segnalazioni ricevute hanno riferito di un’illecita asportazione di materiale dal fiume e di versamento nello stesso del materiale di risulta delle operazioni di sbancamento delle aree dove dovrebbe sorgere la presa che darà alimentazione alla centralina.

Le segnalazioni sono state riscontrate mediante ripetuti servizi di appostamento e controllo da parte della Polizia provinciale che hanno permesso agli agenti del nucleo ittico/venatorio l’identificazione di cinque soggetti, tutti legati all’impresa esecutrice dei lavori e responsabili – a diverso titolo e in concorso tra loro – dell’asportazione di materiale fluviale e del mancato rispetto delle prescrizioni previste in fase di autorizzazione dell’opera da parte degli Organi competenti.

Nell’ambito dell’operazione sono stati posti sotto sequestro due escavatori, un autocarro e un area di circa 700 metri nella sede dell’impresa esecutrice dove veniva stoccato il materiale indebitamente asportato dall’alveo del fiume.

Gli indagati dovranno rispondere all’Autorità Giudiziaria competente di gravi reati che vanno dal furto aggravato allo smaltimento illecito di rifiuti non pericolosi all’inquinamento ambientale.

“L’attenzione nei confronti dei fiumi e del patrimonio ittico è massima – afferma il Commissario Capo Pietro Bergamelli – e la Polizia Provinciale vigila quotidianamente affinché le attività autorizzate siano effettuate nel rispetto delle norme, posto che le stesse sono finalizzate alla conservazione della qualità delle acque, dell’ecosistema fluviale e della fauna ittica”.

© Riproduzione riservata

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.