BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Boom di donazioni per il piccolo Riccardo: si va verso il traguardo

Dopo l’articolo pubblicato lunedì su Bergamonews la solidarietà è dilagata e si potevano vedere fioccare donazioni sulla piattaforma gofundme, al ritmo di una ogni 3-4 minuti.

Ha superato in poche ore quota 37mila euro la raccolta di aiuti per il piccolo Riccardo di Cavernago, nato con la sindrome di Treacher-Collins, per consentirgli di andare all’asilo (leggi qui).

Il bimbo, due anni appena, è affetto dalla malattia genetica rara che si manifesta con dismorfismo facciale e che lo costringe a respirare tramite tracheostomia e ad alimentarsi artificialmente grazie un sondino collegato direttamente allo stomaco.

Dopo l’articolo pubblicato lunedì su Bergamonews la solidarietà è dilagata e si potevano vedere fioccare donazioni sulla piattaforma specializzata gofundme, al ritmo di una ogni 3-4 minuti: in molti conoscevano già Riccardo, per averlo incrociato per strada o durante le terapie ma tantissimi sono anche coloro che hanno deciso di contribuire alla causa solo leggendo la sua storia.

Una splendida prova del buon cuore dei bergamaschi, e non solo, accorsi in sostegno della famiglia di Riccardo che aveva fissato a 50mila euro l’obiettivo della campagna finalizzata all’inserimetno scolastico del figlio al nido, dove potrebbe iniziare a interagire con i coetanei.

Per via della malattia Riccardo ha infatti bisogno di una persona qualificata in ambito infermieristico, nelle ore e nelle situazioni in cui non ci possono essere i genitori. Il piccolo non ha problemi neurologici, quindi ha bisogno solo di un assistente sanitario che lo segua durante l’orario scolastico. Sostegno per il quale, in questa fase della sua vita, ogni spesa dovrebbe essere sostenuta dalla famiglia.

E allora mamma Barbara e papà Daniele, superando le iniziali remore e timidezze, hanno deciso di chiedere aiuto tramite la piattaforma (qui il link per donare): e tanti tanti, oltre 700 finora, stanno rispondendo, avvicinando sempre di più il traguardo.

 

 

 

 

© Riproduzione riservata

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.