BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Urla e personale medico aggredito: serata di follia al pronto soccorso delle Gavazzeni

Il fatto risale a sabato 8 febbraio: un uomo, adirato per il negato accesso della moglie alla zona visite, ha cercato di colpire con un pugno al volto e ha minacciato di morte un medico

Urla, minacce e un pugno indirizzato al volto che per fortuna non è arrivato a destinazione: una serata di follia che ha lasciato senza parole i pazienti della sala d’attesa del pronto soccorso dell’Humanitas Gavazzeni a Bergamo.

L’episodio risale allo scorso 8 febbraio quando all’interno della clinica c’erano diverse persone: “Stavamo attendendo di conoscere le condizioni di mia madre – spiega uno di loro, che preferisce rimanere anonimo – quando è arrivata un’ambulanza: a bordo un uomo, accompagnato dalla moglie, entrambi rom, che viene subito accompagnato in barella all’interno per essere visitato. All’improvviso, scoprendo di essere da solo, ha iniziato a inveire pesantemente contro il personale medico per aver lasciato la moglie in sala d’aspetto: la donna, dal canto suo, si era accomodato non senza nervosismo, proferendo parole irripetibili”.

Ma una volta entrato all’interno, il testimone vede e sente di peggio: “L’uomo ha provato a colpire con un pugno al volto un operatore – racconta – Fortunatamente il ragazzo l’ha evitato, supportato subito dopo da alcuni colleghi accorsi per capire cosa stesse succedendo: ma la furia del paziente è continuata, con insulti razziali e minacce di morte. Ha detto di essere un membro di una famiglia importante e poco dopo parlando al telefono con un amico ha chiesto chiaramente che lo raggiungesse insieme ad altre persone al pronto soccorso per regolare i conti”.

Una situazione scongiurata dall’arrivo immediato degli uomini delle forze dell’ordine, avvertiti dal personale sanitario, che hanno riportato la calma.

“Mi chiedo perchè – conclude il testimone dell’aggressione – non ci siano guardie interne o personale delle forze dell’ordine presente in pianta stabile nei vari pronto soccorso, per prevenire o sedare subito situazioni simili”.

Dall’ospedale fanno sapere che negli ultimi 2 anni, oltre 500 dipendenti tra infermieri, OSS, tecnici e coordinatori infermieristici hanno partecipato ai corsi, che vengono periodicamente organizzati, sui temi della prevenzione e gestione delle aggressioni, sulla comunicazione e sulle tecniche e strumenti per migliorare la gestione di situazioni critiche.

L’ospedale è in contatto con le autorità di sicurezza per garantire l’incolumità di pazienti, accompagnatori e collaboratori.

© Riproduzione riservata

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.