Quantcast
Bergamo e gli alberi, "ad oggi 172 abbattimenti e 232 nuove messe a dimora" - BergamoNews
I numeri del comune

Bergamo e gli alberi, “ad oggi 172 abbattimenti e 232 nuove messe a dimora”

L'assessore Marchesi: in autunno altre 1.475 piante

Potature, abbattimenti, nuove piante messe a dimora. Il Comune di Bergamo, dopo le recenti polemiche per il taglio degli alberi in piazza Dante, prova a fare il punto sul verde urbano in città.

I dati forniti dall’assessore al Verde Pubblico Marzia Marchesi e dal Responsabile delle Opere del Verde Guglielmo Baggi parlano di 1.831 potature programmate nel 2020 su tre lotti d’intervento – ciascuno riferito a tre differenti zone della città – per un costo complessivo di circa 600 mila euro: i lavori sono iniziati nell’autunno 2019 e si concluderanno tra marzo e aprile, prima del risveglio vegetativo delle piante.

LE POTATURE IN PROGRAMMA

LA MAPPA DELLE POTATURE

Ad oggi sono 232 le nuove messe a dimora a fronte di 172 abbattimenti (“significa un 35% in più in termini di rilancio arboreo”, fanno notare da Palafrizzoni). Di questi, 162 sono già stati eseguiti (“126 per malattia o non ottimale stato conservativo dell’albero”): i 10 abbattimenti restanti interessano 2 ippocastani in viale Papa Giovanni XXIII (classe D, ovvero con elevata propensione al cedimento), 1 cipresso in via Toscanini (classe C-D, considerato a rischio), 1 platano in via Cairoli (“fortemente inclinato e sbilanciato”), 1 olmo e 2 pioppi al parco Locatelli (classe D) e 1 pioppo e 2 pini al parco di Loreto (classe D). Questi alberi, secondo le valutazioni del Comune, mostrano “propensione al cedimento in luoghi dove è alto il rischio di incolumità di persone e cose”. Gli ippocastani di viale Papa Giovanni saranno comunque reintegrati, idem per il platano di via Cairoli, che sarà “resistente al cancro”.

Il settore non è granché normato. Per questo, molto dipende dalle iniziative (e dalla sensibilità) delle singole amministrazioni: “Un abbattimento si rende necessario in caso di malattia della pianta, problemi di sicurezza o quando il Pgt prevede un intervento urbanistico – spiega l’assessore Marchesi -. In quest’ultimo caso, prima di procedere, sentiamo comunque il parere del progettista”. Ad ogni modo, l’intenzione è quella di “reintegrare sempre le piante a seconda delle possibilità, o nello stesso punto o in altri della città”.

GLI ABBATTIMENTI PROGRAMMATI

LE MESSE A DIMORA IN PROGRAMMA

“Nell’autunno 2020 – illustrano Marchesi e Baggi – è prevista la messa a dimora di altre 1.475 piante. L’idea è quella di completare viali, strade e rondò dove mancano gli alberi, e incrementarne la presenza nei parchi cittadini”. Nello specifico si tratta di 200 olmi, 150 aceri, 175 aceri campestri, 200 tigli, 150 sorbi, 150 ontani, 200 querce, 150 faggi e 100 platani tutti di prima grandezza, cioè con un tronco del diametro minimo di 20-25 centimetri ed un’altezza di oltre 3 metri. Il valore dell’appalto è di circa 350 mila euro. Altri 80 mila euro dovrebbero finire nelle casse degli Uffici del Verde derivanti dal PEG (Piano Esecutivo di Gestione ndr) disponibili annualmente a partire dal 2020. Mentre un altro progetto, operativo nel 2021, prevede sia lo studio e la mappatura delle aree libere della città, sia la messa a dimora di altri 2 mila alberi dal valore complessivo di 450 mila euro, fanno sempre sapere dall’amministrazione.

A questi numeri si aggiungono le donazioni di 225 alberi da parte di comitati, associazioni o cittadini: come le 33 querce in Viale Europa dell’associazione italo-ucraina Zlaghoda, i 40 ciliegi alla Trucca o i 50 alberi nei quartieri Malpensata e Carnovali da parte dell’Istituto Mazzi. Altri 100 piante infine, sono state messe a dimora al Liceo Manzù, in collaborazione con Ersaf e Legambiente.

leggi anche
taglio alberi
Bergamo
Piazza Dante, continua la protesta: transennata l’area, via al taglio degli alberi
leggi anche
protesta alberi
Bergamo
Alberi a rischio abbattimento in piazza Dante, presentato un esposto in Procura
leggi anche
Nicola Cremaschi Alberi
La lettera
“Alberi di piazza Dante? L’ambientalismo non è solo una questione di cuore, anche di testa”
Vuoi leggere Bergamonews senza pubblicità?
Iscriviti a Friends! la nuova Community di Bergamonews punto d’incontro tra lettori, redazione e realtà culturali e commerciali del territorio.
L'abbonamento annuale offre numerose opportunità, convenzioni e sconti con più di 120 Partner e il 10% della quota di iscrizione sarà devoluta in beneficenza.
Scopri di più, diventiamo Amici!
leggi anche
Albero donato al Comune di Bergamo
Bergamo
Il piccolo Lucio dona una quercia alla città: “Come segno di rinascita e speranza”
alberi
Verde pubblico
Bergamo, nuovi alberi anti smog in città: investiti 400mila euro
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI