Solza, spacciatori scovati "in diretta" grazie alle telecamere comunali - BergamoNews
Le denunce

Solza, spacciatori scovati “in diretta” grazie alle telecamere comunali

Il vigile li ha visti dai monitor e ha chiamato i carabinieri. I due 25enni avevano precedenti specifici

Quando ha visto dalle immagini delle telecamere comunali quei due individui scendere dall’auto e incamminarsi nei campi dietro il cimitero, l’agente della polizia locale di Solza si è insospettito e ha chiesto l’intervento dei carabinieri di Calusco. In questo modo sono stati denunciati due spacciatori della zona.

È successo mercoledì 5 febbraio. Intorno alle 14 il vigile stava osservando i monitor della videosorveglianza e ha visto arrivare sul piazzale del cimitero di via Martiri della Libertà una Fiat Punto bianca. Dall’auto sono scesi due ragazzi, 25enni e di origine marocchina, che si sono dileguati nei terreni adiacenti, probabilmente per nascondere sotto terra il carico di cocaina che avevano ritirato da poco.

L’agente ha chiamato i carabinieri di Calusco, competenti per territorio, che sono intervenuti insieme a lui con due mezzi. Hanno atteso il ritorno dei due giovani e quando sono arrivati li hanno identificati e perquisiti. In tasca avevano sei palline di cocaina, pari a circa un grammo e mezzo. L’ipotesi dei militari è però quella che il grosso della sostanza l’avessero appena nascosta sottoterra, anche se nonostante le ricerche non è stato individuato il punto esatto.

I due sono stati denunciati per spaccio. Dagli accertamenti è emerso che avevano già precedenti per lo stesso reato e su di loro gravava un decreto di espulsione. L’auto che avevano era invece intestata a un 50enne della zona già segnalato come consumatore di cocaina, forse concessa in prestito ai pusher in cambio di qualche dose.

leggi anche
  • La proposta
    Solza chiede la mitigazione ambientale per la “tangenziale sud” di Calusco
    tangenziale di calusco
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it