Omicidi Seriate e Colognola, "ferite simili ma nessun'altra analogia" - BergamoNews
Il medico legale

Omicidi Seriate e Colognola, “ferite simili ma nessun’altra analogia”

Ne ha parlato il dottor Andrea Verzelletti nel processo a carico di Antonio Tizzani, accusato dell'assassinio della moglie Gianna Del Gaudio

Ferite simili, ma nessun’altra analogia. Si concluse così il confronto in procura a Bergamo tra i medici legali che avevano seguito le autopsie sui cadaveri di Gianna Del Gaudio e Daniela Roveri. L’incontro, avvenuto nel gennaio 2017 negli uffici di piazza Dante, era stato voluto dall’allora procuratore capo Walter Mapelli (poi venuto a mancare), per trovare possibili collegamenti tra gli omicidi – irrisolti – avvenuti a Seriate e Colognola nell’agosto e nel dicembre dell’anno precedente.

Di quella riunione ne ha parlato il dottor Andrea Verzelletti nell’udienza di martedì 11 febbraio del processo a carico di Antonio Tizzani, accusato dell’assassinio della moglie Gianna nella loro villetta di piazza Madonna delle Nevi a Seriate.

“In procura eravamo presenti noi medici legali e i pm che seguivano i due casi – ha raccontato Verzelletti di fronte alla corte presieduta dal giudice Giovanni Petillo – . Le ferite tra le vittime erano simili, come in ogni caso di scannamento peraltro, ma le analogie si fermavano lì”.

“Quando analizzammo il cadavere della signora Del Gaudio – ha proseguito il medico legale – vedemmo che aveva una profonda ferita al collo e altri taglietti riconducibili allo stesso colpo ricevuto, ma non avevamo pensato che potesse essere stata inferta con un cutter (che poi è stato trovato in una siepe vicina al luogo del delitto, ndr). Ipotizzammo potesse essere stata colpita da dietro”.

leggi anche
  • L'udienza
    Delitto di Seriate, l’ex nuora di Gianna e Antonio: “Litigavano, lui, geloso, la minacciava”
    Antonio Tizzani
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it