Sanremo, il nostro grazie ai Pinguini: avete fatto sognare una provincia intera - BergamoNews
70esima edizione

Sanremo, il nostro grazie ai Pinguini: avete fatto sognare una provincia intera

Ci hanno mostrato che chi sogna e vuole di più, può farcela. Diodato si aggiudica il primo posto

Diodato vince la 70esima edizione del festival di Sanremo con la sua interpretazione di Fai Rumore. Il cantante classe 1981 ha ottenuto la vittoria grazie al televoto unito al punteggio della giuria demoscopica e della sala stampa, conquistando il primo posto. Seguito da Francesco Gabbani al secondo posto e i Pinguini Tattici Nucleari al terzo.

La decretazione del vincitore arriva dopo una serata ricca di intrattenimento e grandi ospiti ottimamente diretti dalla conduzione di Amadeus, accompagnato per l’occasione da Diletta Leotta, Sabrina Salerno e Francesca Sofia Novello. Con l’ormai immancabile Fiorello, pronto a salvare la situazione in ogni momento. Biagio Antonacci, Tiziano Ferro, Cristiana Capotondi, Christian de Sica, Angela Finocchiaro e il cast della nuova commedia “La mia banda suona il Pop” sono tra i nomi che hanno costellato la finale. Impressionante è sicuramente l’intervento del tenore Vittorio Grigolo con un medley apprezzatissimo sulle note delle canzoni più famose dei Queen.

Gli ospiti e gli sketch di Fiorello alternano le esibizioni dei 23 big in gara. Numero inconsueto dovuto alla squalifica della coppia Morgan/Bugo, successivamente al clamoroso abbandono del palco da parte di quest’ultimo. La gara si apre con Michele Zarrillo e si conclude con la performance di Rancore, il quale vince anche il Premio Sergio Bardotti come miglior composizione. Diodato porta a casa anche il Premio Mia Martini e Premio Lucio Dalla. Gabbani invece vince il Premio Tim Music come canzone più ascoltata sull’omonima piattaforma di streaming musicale.

La quinta serata del festival più importante della musica italiana ha visto alzare l’asticella delle interpretazioni in gara, lasciando alcuni momenti davvero memorabili. Tra questi: Amadeus si cimenta in un’esilarante imitazione di Maria de Filippi, esordendo con la frase “le scommesse si pagano”. Riccardo Zanotti durante l’esibizione di Ringo Starr, dopo essere sceso in platea, bacia Mara Venier in prima fila. Ovviamente non poteva mancare l’attesissima entrata di Achille Lauro, che per l’occasione ha optato per un look ispirato alla figura storica di Regina Elisabetta I, con successivo bacio al chitarrista Boss Doms. Fatto che ha letteralmente incendiato il web.

Di sorprese non sono sicuramente mancate, in particolare per uno spiacevole inconveniente riguardante Skytg24. L’emittente infatti avrebbe reso pubblico il verdetto finale – cioè la vittoria di Diodato – ben un’ora prima del suo annuncio pubblico. Nonostante ciò, le premiazioni sono avvenute come da tradizione con l’esibizione finale della canzone vincitrice.

Così si conclude un’innovativa versione del Festival di Sanremo, che ha visto un riuscito tentativo da parte del suo direttore artistico Amadeus di combinare la tradizione con la novità, il nuovo con il vecchio. Progetto confermato dai numeri di pubblico, registrando uno share maggiore del 50% per tutte le serate. Tra questi, motivo di orgoglio è sicuramente stato il viaggio fatto da i Pinguini Tattici Nucleari, che alla loro prima apparizione al festival hanno saputo conquistarsi un meritatissimo terzo posto.

Detto ciò, bisogna pensare in base a cosa si possa davvero definire un vincitore: stando ai dati la band bergamasca ha registrato numeri assurdi. “Ringo Starr” è la prima canzone ascoltata nella top 50 in Italia su Spotify, il videoclip ufficiale della canzone è tra i video in tendenza su youtube, con ottime visualizzazioni anche per la performance di “Settanta Volte” con ben 1 milione di visualizzazioni.

I numeri parlano chiaro, i Pinguini Tattici Nucleari piacciono come il loro nuovo album “Fuori dall’Hype Ringo Starr” appena rilasciato e un tour che avrà inizio a fine febbraio, con una tappa sold-out al Forum d’Assago di Milano. Per non parlare della nuova App per telefono con cui rimanere informati su ogni novità riguardante la band.

Perciò, nonostante il finale che ha lasciato un leggero amaro in bocca per quello che poteva essere, Pinguini Tattici Nucleari vi ringraziamo, perché avete fatto sognare un’intera provincia e tutte quelle persone che si ritrovano nelle vostre canzoni. Ci avete mostrato che chi sogna e vuole di più, può farcela.

Allora lo si può dire, citando proprio una delle vostre nuove canzoni, Bergamo: siete belli, come casa nostra.

Grazie di tutto!

commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it