Quantcast
Grazie a WeAreStarting la prima cessione a costo zero delle quote di una srl - BergamoNews
Il portale bergamasco

Grazie a WeAreStarting la prima cessione a costo zero delle quote di una srl

Avvalendosi del regime alternativo di intestazione delle quote, che permette di seguire una procedura snella e senza costi, grazie al portale di equity crowdfunding bergamasco e a Directa sim è avvenuta la prima compravendita di quote di srl a costo zero in Italia

Avvalendosi del regime alternativo di intestazione delle quote, che permette di seguire una procedura snella e senza costi, grazie a WeAreStarting, portale di equity crowdfunding bergamasco, e a Directa sim, Società di Intermediazione Mobiliare, è avvenuta la prima compravendita di quote di srl a costo zero in Italia.

Per poter cedere una quota di partecipazione al capitale sociale di una srl è necessario rivolgersi a un professionista, sia questo un notaio o un commercialista, che tipicamente prevede un costo di diverse centinaia di euro, in buona parte dovuta a costi vivi. Questo è l’unico iter che si sarebbe dovuto seguire sino a poco tempo fa ma grazie all’art. 100-ter del TUF è possibile l’intestazione fiduciaria a un intermediario delle quote acquistate in equity crowdfunding in sede di offerta. Oggi chiunque può, quindi, diventare socio di una srl e successivamente svincolarsi dall’investimento senza doversi rivolgere ad un professionista e senza nessun costo da sostenere.

L’operazione annunciata da WeAreStarting ha riguardato quote di minoranza (0,15%) di una startup che aveva condotto una campagna di equity crowdfunding tra dicembre 2018 e marzo 2019 e inizialmente acquisite da un investitore per mille euro. Quest’ultimo, che aveva optato proprio per il regime alternativo, dopo meno di un anno, ha potuto cedere le quote con una plusvalenza del 40% che, al netto delle tasse pari al 26% del guadagno generato, ha permesso un rendimento effettivo del proprio investimento del 29,6%. Il regime alternativo di intestazione delle quote è offerto gratuitamente agli investitori di WeAreStarting da Directa sim, che è tenuta a mantenere e gestire il registro delle transazioni che attestano l’effettiva proprietà delle quote. Gli investitori sono quindi liberi di trasferire le proprie partecipazioni ad altri utenti compilando un modulo apposito per comunicare l’ordine alla sim.

“Siamo felici di questo risultato -sottolinea Carlo Allevi, amministratore delegato del portale di crowdfunding dove erano state acquistate le quote della startup – e siamo convinti che si tratti solo della prima compravendita di questo tipo. Abbiamo creduto da subito nell’utilità di questa modalità tanto che abbiamo deciso, a differenza di altri portali di equity crowdfunding e con il contributo delle singole società offerenti, di assorbire i costi vivi del servizio offerto da Directa SIM. La cessione di quote di srl non quotate è quindi avvenuta gratuitamente per l’investitore registrato sulla piattaforma a cui è bastato trovare un acquirente interessato alla startup di cui era socio per avere un guadagno dal proprio investimento”.

carlo allevi we are starting

La maggioranza delle srl che hanno completato una raccolta con successo tramite equity crowdfunding sono startup innovative e PMI innovative, le quali danno diritto ad un beneficio fiscale del 30% per gli investitori, che decade qualora la partecipazione sia ceduta prima di tre anni. Per questo motivo, gli operatori del settore si aspettano che le compravendite di quote di srl si intensificheranno solo gradualmente nei prossimi anni.

“Ancora una volta abbiamo dimostrato di essere pionieri nel mondo degli investimenti online – rimarca Gabriele Villa, responsabile Business Development di Directa SIM -, offrendo la possibilità di effettuare una compravendita di quote di srl oggetto di un’operazione di crowdfunding. Per Directa SIM questo non rappresenta solo un nuovo servizio per i clienti, ma anche il primo passo per un possibile mercato secondario di questi strumenti”.

WeAreStarting srl, con sede a Bergamo, è stata fondata da Carlo Allevi nel dicembre 2014. Nel 2019, ha raccolto 1,544 milioni di euro, posizionandosi al nono posto a livello nazionale per raccolta.

Vuoi leggere BergamoNews senza pubblicità?   Iscriviti a Friends! >>
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI