Malinovskyi decisivo come non mai, Ilicic è il solito gigante - BergamoNews
Le pagelle

Malinovskyi decisivo come non mai, Ilicic è il solito gigante

GOLLINI 5,5: Salva in uscita su Cutrone al 25’. Colpevole ritardo sul tiro non irresistibile di Chiesa che vale il vantaggio viola. Una più reattiva spinta sulle gambe avrebbe permesso una normale deviazione in corner. Completa la prestazione non impeccabile con una vistosa uscita a correre dietro alla palla al 7’ del secondo tempo.

TOLOI 6: Prestazione di contenuti senza acuti offensivi. Guardingo a uscire sulla velocità di Chiesa, rispetta le consegne del mister che non voleva correre rischi, facendolo più volte osservare dalla panchina.

PALOMINO 6,5: Ritorna puntuale come gli aumenti della benzina con un paio di errori gravi. Come il rinvio di testa sui piedi di Chiesa che non perdona, con il tunnel sulla linea di fondo al 40’ che deve subire dallo stesso Chiesa. Diventa poi impeccabile nell’anticipo e nelle chiusure che lo riportano ad una prestazione sufficiente. Castrovillari vorrebbe azzopparlo con la complicità dell’arbitro Mariani che non applica il secondo giallo, lui stoicamente non molla facendo risedere in panchina Caldara che sognava il rientro.

DJIMSITI 6: Bravo nelle chiusure, meno quando dovrebbe accompagnare l’azione come vuole Gasperini. Alla fine dalla sua parte gli attacchi viola diventano sbiaditi e privi di pericoli per Gollini.

CASTAGNE 7: A tratti devastante sulla fascia destra con il rammarico del mister olandese Koeman che si era presentato in tribuna per vedere Hateboer. Sempre propositivo nell’affiancare Ilicic per creare superiorità numerica che, specie nel finale, congela il risultato senza far correre rischi alla linea difensiva.

FREULER 6,5: Lavoro oscuro non facile nell’opporsi all’arrembante Castrovilli. Di nuovo tra i migliori, lo troviamo in tutte le zone del campo.

PASALIC 5: Rigore in movimento che non si può fallire al 18’. Meno facile al 42’, ma su splendido assist di Gosens ci conferma che davanti alla porta è nebbia. Non fa meglio nelle altre zone del campo dove dovrebbe trovarsi più a suo agio. Giornata negativa.

MALINOVSKYI (Dal 18′ st) 7: Raddrizza il piede e centra l’obiettivo che stava ripetutamente cercando ogni volta che poteva, pur entrando sempre dalla panchina. Bravo perché inserito come centrocampista puro non ha mai rischiato di perdere posizione e ripartenze.

GOSENS 6: Assist al bacio per Pasalic al 42’ del primo tempo che il croato non concretizza. Poi meno corsa e più attenzione a coprire la zona di campo di sua competenza.

GOMEZ 7: Lo vedi anche nelle chiusure ad aiutare, da vero capitano a tutto campo gioca un’infinità di palloni. Perfetto nella tempistica ad inserirsi nell’azione che porta al pareggio di Zapata. Frega anche la Var che lo teneva sotto controllo.

TAMEZE (Dal 44′ st) S.V.: Benvenuto, cinque minuti che ci dicono che servirà.

ILICIC 7: Ex non gradito al boccaccesco tifo viola, sfodera una prestazione al veleno. Igor tenta con le maniere forti che non servono a nulla quando l’atalantino decide che è la sua partita. Lo trovi in tutte le zone del campo, diventa decisivo nell’azione del pareggio di Zapata.

ZAPATA 6: Aspettando il miglior Zapata, ci si deve accontentare dell’ottavo centro in campionato. Non è poco perché vale il pareggio che riporta la squadra in partita. Prende una ammonizione che fa rima con la designazione di un arbitro di terza fascia come Mariani, dopo il gridare “al lupo” della presidenza viola. Encomiabile nell’impegno, accende con Pezzella un duello fisico che apre spazi ai compagni.

 

GASPERINI 7: Firenze dopo i fatti di Coppa Italia lo accoglie con ironia, l’Atalanta lo è ancor più e dopo 27 anni si fa ganza tornando a vincere. La squadra fa la partita fin dall’inizio che solo Pasalic spreca, consentendo a Iachini di giocare come meglio gradisce, vantaggio e solo contropiede che non basta perché Gasperini accompagna con convinzione la reazione della squadra fino alla sacrosanta vittoria finale. Risultato importante per la corsa Champions, soprattutto in funzione dell’incontro di sabato prossimo con la Roma.

leggi anche
  • Appunti & virgole
    Atalanta, a Firenze vittoria da grande squadra: con Gasp è la regina delle rimonte
    Atalanta
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it