Trattative finite: tra acquisti e cessioni l'Atalanta ha mosso più di 130 milioni di euro - BergamoNews
Calciomercato

Trattative finite: tra acquisti e cessioni l’Atalanta ha mosso più di 130 milioni di euro

Anche in questo gennaio, pur senza compiere affari altisonanti, i nerazzurri hanno mosso tanti, tantissimi soldi

Quattro uscite e cinque entrate, le casse societarie rimpinzate di nuovo, due riscatti fondamentali e qualche giovane di prospettiva consegnato a Gasperini. È stato un mercato attento e oculato, “da Atalanta”, quello in cui la famiglia Percassi si è mossa in quest’ultimo mese.

Mercato che ha visto entrare Caldara, Czyborra, Bellanova, Sutalo e Tameze, per un totale di 37 milioni di euro che verranno spesi in caso di riscatto (i quattro sono in prestito con diritto), ai quali vanno aggiunti i riscatti di Zapata (12 milioni) e di Pasalic (15), che fanno salire l’investimento del club a 60 milioni di euro complessivi.

Grosse sono anche le cifre che riguardano gli incassi (quelli tutti sicuri, perché si tratta di prestiti con obbligo di riscatto): 44 milioni di euro per la cessione di Kulusevski alla Juventus, 18 per Barrow al Bologna, 10 per Ibanez alla Roma e 2 per Masiello al Genoa. Totale: 72 milioni di euro.

Oltre a questi sono usciti anche Arana e Kjaer, che erano a Bergamo in prestito.

Insomma, anche in questo gennaio, pur senza compiere affari altisonanti, l’Atalanta ha mosso tanti, tantissimi soldi.

Ora – per fortuna – tornerà a parlare solo il campo.

 

commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it