BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Ampliamento Anni Sereni: posata la prima pietra della nuova ala della casa di riposo

Nasce un unico polo sanitario tra Treviglio e Caravaggio

Con l’ampliamento della casa di riposo Anni Sereni nasce un unico polo sanitario tra Treviglio e Caravaggio, in cui verranno trasferiti gli uffici e i servizi presenti in altre zone della città.

Lunedì 27 gennaio, alla presenza delle autorità locali, si è tenuta la cerimonia per la posa della prima pietra della nuova ala che potrà ospitare 35 pazienti dando quindi una risposta concreta ai bisogni del territorio.

I piani saranno tre, collegati con l’Rsa attuale tramite dei tunnel.

Erano presenti le maggiori istituzioni dei due paesi, a partire dai due sindaci, Claudio Bolandrini e Juri Imeri e dal primo cittadino di Fara Gera d’Adda Raffaele Assanelli, oltre a diverse personalità della politica (i parlamentari Alessandro Sorte e Toni Iwobi, l’assessore regionale Claudia Terzi, il consigliere regionale Paolo Franco) il presidente della provincia Gianfranco Gafforelli, la senatrice Alessandra Gallone.

La posa della prima della nuova ala della struttura
Casa di riposo Anni Sereni

A prendere la parola per primo è stato il presidente della Fondazione, Augusto Baruffi che ha ringraziato chi ha contribuito a rendere possibile questo ampliamento: “La struttura ha 54 posti – ha spiegato – più 400 persone a domicilio. A causa della continua emergenza, abbiamo deciso di investire altri soldi per un totale di 35 nuovi posti letto. L’idea era quella di costruire un centro socio-sanitario di riferimento per la Bassa, per un investimento totale di 4.5 milioni di euro. Sarà composto da due piani più un seminterrato di 500 metri quadrati. L’idea è quella di concludere i lavori entro il 30 settembre 2021. All’interno della struttura lavorano 170 dipendenti a tempo pieno, tutti assunti a tempo indeterminato”.

La parola è passata poi all’architetto Franco Forcella che ha spiegato la storia di questo progetto, partito nell’aprile del 2019, oltre a come saranno realizzati i lavori.

Dopo aver fatto le opportune verifiche, si è proceduto con le prime operazioni ed è stato deciso di costruire il seminterrato, che non era previsto in origine. Sono stati coinvolti 13 professionisti per realizzare questo progetto nel migliore dei modi ed è stata necessaria l’autorizzazione dell’ASST di Bergamo, dei Vigili del Fuoco e dell’ufficio tecnico del comune di Treviglio. Nel mese di gennaio sono state individuate le ditte che compieranno i lavori, i quali prenderanno il via il 3 febbraio.

La casa di risposo si trova tra Treviglio e Caravaggio
Casa di riposo Anni Sereni

Dopo l’intervento di Peter Assembergs, dg dell’ASST Bergamo Ovest, è stato il turno dei tre sindaci presenti.

Juri Imeri ha elogiato la rapidità di questi lavori oltre al rapporto qualità-prezzo di questa struttura, definita eccellente, e dell’importanza che ha per il territorio oltre che per la sinergia con l’azienda ospedaliera.

L’efficienza nei lavori è stata elogiata anche dal primo cittadino di Caravaggio Claudio Bolandrini, che ha sottolineato anche la sinergia tra i paesi, che dovrà essere d’esempio per il futuro, come evidenziato anche dal sindaco di Fara Assanelli.

Prima di trasferirsi all’esterno per la posa della prima pietra e per la benedizione, sono intervenuti anche il direttore di ATS Bergamo Massimo Giupponi che ha ringraziato tutti coloro che hanno permesso la realizzazione di questi lavori e l’assessore regionale Claudia Terzi. Quest’ultima, a nome di tutti i politici presenti, ha spiegato che quello del 27 gennaio è stato un grande giorno per la pianura perché è l’inizio di un lavoro importante. “La regione guarda con favore a progetti come questo – ha spiegato – e investe molto. È stata piacevole la sinergia tra comuni a prescindere dal colore politico così come eccellente è il lavoro della fondazione. È stata realizzata quella che per la regione Lombardia e l’idea del socio-sanitario”.

© Riproduzione riservata

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.