BergamoNews it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Agricoltura, a Bergamo è boom di occupati: contratti più 8.000%

I settori con maggiore assorbimento di manodopera sono quelli dell’ortofrutta, delle coltivazioni industriali e del florovivaismo. Va però sottolineato che il contratto più diffuso è quello dell’avventiziato ed è temporaneo, legato ai cicli produttivi stagionali

L’ultima rilevazione dei contratti di lavoro del settore agricolo in provincia di Bergamo segnala un sorprendente +7.975% legato a contratti trasformati nel “primario”, tra campi, vigneti e serre. Lo segnala la Fai-Cisl con un intervento, sul proprio sito nazionale, di Luigi Bramaschi, segretario generale della Fai di Bergamo, in cui sottolinea che quasi 1000 lavoratori sono entrati a rinforzare la massa degli addetti agricoli orobici, e molti sono giovani, passati attraverso il lavoro a chiamata, l’avventizio e i tanti tempi determinati che caratterizzano il settore.

“Un salto in avanti consistente, dopo anni di sofferenza, con un mercato agricolo tornato ad assorbire sia imprenditori che manodopera e soprattutto la campagna che torna ad esercitare fascino verso i giovani, spesso disincantati da esperienze in altri settori – afferma Bramaschi  soprattutto importante se si pensa che l’anno scorso i contratti ‘trasformati’ sono stati solo 12, e ancor più significativo visto che a livello nazionale il dato Istat sull’occupazione agricola fa segnare un -0,1%”.

Il settore agricolo è sicuramente attrattivo e in crescita con dati interessanti sull’occupazione anche giovanile. nel settore prevale occupazione prevalentemente a tempo determinato, rinnovabile secondo l’andamento del mercato. In generale, i contratti prevalenti sono il Contratto nazionale e quello provinciale (primo e secondo livello di contrattazione) per operai e Impiegati Agricoli Florovivaisti.

“La crescita è costante e dura da qualche anno – continua Bramaschi -, anche se riguarda soprattutto lavoratori a tempo determinato visto che dal 2011 al 2017 (Dati Inps) l’incremento di questo tipo di assunzioni è stato del 55%, mentre per i lavoratori fissi negli stessi anni sono cresciuti solo del 1,4%”.

I settori con maggiore assorbimento di manodopera a Bergamo sono senza dubbio quelli dell’ortofrutta, delle coltivazioni industriali e del florovivaismo. Va però sottolineato che il contratto più diffuso è quello dell’avventiziato ed è temporaneo, in quanto legato ai cicli produttivi stagionali.

giovani agricoltori

“Sicuramente alla base di questo trend, c’è la dinamicità del settore agroalimentare visto che, in controtendenza con l’andamento generale dell’economia, vede costantemente crescere negli ultimi anni il fatturato. Quello che conta però è che l’agricoltura goda rispetto al passato di maggiore attrattività da parte dei giovani, non solo per l’avvio di attività imprenditoriali, ma anche per il lavoro dipendente. L’evoluzione del settore richiede personale sempre più qualificato con molte tipologie aziendali investite da profonde innovazioni tecnologiche. Da questo punto di vista sarebbe sempre più importante uno stretto raccordo tra il mondo delle imprese con i loro fabbisogni e le scuole”.

In chiave occupazionale, comunque, solo il turismo presenta una performance migliore. Ma il settore permette, inoltre, di sviluppare una chiave di lettura sociale ben più profonda. Il mondo dell’agricoltura rappresenta anche per Bergamo un modo per far decollare l’integrazione e la cittadinanza: nelle imprese agricole della provincia, infatti, l’incidenza straniera nel numero degli addetti non ha eguali in nessun altro settore.

© Riproduzione riservata

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.