BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Pioltello, due anni dopo il deragliamento del treno: i pendolari “Si faccia giustizia”

Il 25 gennaio 2018, il treno 10452 partito da Cremona e diretto a Milano deragliò proprio a Pioltello a causa della rottura di un binario. In quel disastro persero la vita Ida Milanesi di Caravaggio, Pierangela Tadini di Misano e Giuseppina Pirri di Capralba, in provincia di Cremona.

Una cerimonia semplice quella che si è svolta questa mattina, sabato 25 gennaio in ricordo delle vittime del disastro di Pioltello, in provincia di Milano.

Il 25 gennaio 2018, il treno 10452 partito da Cremona e diretto a Milano deragliò proprio a Pioltello a causa della rottura di un binario. In quel disastro persero la vita Ida Milanesi di Caravaggio, Pierangela Tadini di Misano e Giuseppina Pirri di Capralba, in provincia di Cremona.

La commemorazione ha avuto inizio a Capralba e poi si è spostata a Caravaggio. Tra i presenti l’assessore regionale alle Infrastrutture Claudia Terzi, l’amministratore delegato di Trenord Marco Piuri e numerosi sindaci e assessori. Toccante l’abbraccio tra il primo cittadino di Caravaggio Claudio Bolandrini e la figlia di Ida Milanesi, Valentina, 24 anni. Con lei c’erano il padre e i familiari di Pierangela Tadini. Sono stati adagiati mazzi di fiori sulle pietre di inciampo deposte in loro memoria alla stazione.

Infine, il corteo fino al vicino monumento dove un rappresentante dei pendolari ha letto l’appello rivolto alla Regione perché si faccia giustizia.

“Al ricordo dell’indelebile tragedia uniamo l’appello affinché sia fatta piena luce sulle responsabilità di quanto accaduto e sia quotidianamente garantita la sicurezza dei viaggiatori” ha rimarcato il sindaco Bolandrini.

La Procura di Milano nel novembre scorso ha chiuso le indagini per dodici persone, per le quali si profila il processo: due manager e sette tra dipendenti di Rfi oltre alla società stessa e due ex membri dell’Agenzia nazionale per la sicurezza delle ferrovie. Sono state invece archiviate le posizioni di due dirigenti di Trenord e della società.

© Riproduzione riservata

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.