BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Falsi permessi di soggiorno: chiesti 8 anni per Leandra Pavorè

Undici gli imputati finiti a processo. Martedì udienza preliminare con il pm Carmen Santoro che ha formulato le richieste

Falsi permessi di soggiorno e i ricongiungimenti familiari di cittadini cinesi in cambio di mazzette. Undici gli imputati finiti a processo. Martedì c’è stata un’udienza preliminare straordinaria con il gup Lucia Graziosi al termine della quale il pubblico ministero Carmen Santoro ha formulato le richieste.

Perno del meccanismo con un giro di affari di mezzo milione di euro per i permessi falsi di soggiorno Leandra Arnaldo Pavorè, 58 anni, brasiliana, già titolare delle agenzie di pratiche “Pavorè &Dong srl” e “Pavorè agenzia d’affari” in via Borgo Palazzo e candidata con Forza Italia alle elezioni del 26 maggio scorso per la carica di consigliere a Bergamo. Il pm per lei, ai domiciliari da novembre, ha chiesto 8 anni (e 60 mila euro). Nella prossima udienza, il 20 febbraio ci sarà la replica del suo difensore, avvocato Eliana Cappuccio.

Per Pierpaolo Perozziello, che svolgeva la funzione di coadiutore contabile in questura, sono stati chiesti 5 anni. Per Andrea Sciortino, ex agente della Polizia di Bergamo, sei anni (e 40mila). Per Leo Pezzimenti, ex vigile al comando di Bergamo, 4 anni e quattro mesi (e 18 mila) e infine per Mattia Cirrone, all’epoca dei fatti capo de vigili di Orio al Serio, quattro anni e due mesi.

La prossima udienza è in programma il 20 febbraio, in cui si discuterà anche della posizione di Walter Flaccadori.

© Riproduzione riservata

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.