BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Pace al femminile: Manuela Dviri a Bergamo con l’associazione Innova

L’appuntamento è fissato dalle 21 di mercoledì 22 gennaio nella nuova sede dell’Associazione, al piano terra di Via San Benedetto 3 a Bergamo e ha l’obiettivo di coinvolgere la cittadinanza per animare il senso critico e sviluppare una riflessione condivisa sul ruolo delle donne e delle madri nel mondo.

Il 2020 dell’Associazione InNova Bergamo inizia con un evento dedicato alla pace nell’ambito del triste e complesso conflitto israelo-palestinese.

Un dialogo ambizioso con protagonista la giornalista e scrittrice Manuela Dviri, madre naturalizzata israeliana che, mentre era ancora in corso il conflitto nel Libano, durante la settimana di lutto per la morte del figlio Yonathan (26 febbraio 1998), esprime il suo dissenso alla politica del governo e rilascia le prime dichiarazioni sulla inutilità e la stupidità di una guerra condotta fuori dai confini del paese pubblicando tre infuocate lettere di protesta indirizzate all’allora primo ministro Benjamin Netanyahu.

L’appuntamento è fissato dalle 21 di mercoledì 22 gennaio nella nuova sede dell’Associazione, al piano terra di Via San Benedetto 3 a Bergamo e ha l’obiettivo di coinvolgere la cittadinanza per animare il senso critico e sviluppare una riflessione condivisa sul ruolo delle donne e delle madri nel mondo.

“Sono orgoglioso che l’Associazione si ponga obiettivi così alti e così belli e che cerchi di raggiungerli attraverso il dialogo aperto e la partecipazione attiva di ogni socio. Il primo febbraio inizierà la campagna di tesseramento che durerà tre mesi circa e l’obiettivo è quello di rappresentarci come un luogo di incontro tra tante anime e sensibilità che popolano la Città e la Provincia” ha dichiarato Niccolò Carretta, Presidente dell’Associazione e Consigliere Regionale.

All’evento interverranno anche la Consigliera comunale Eleonora Zaccarelli, Giuseppina Cividini come rappresentante dell’Associazione AIAF (Sezione Territoriale di Bergamo) e Alfredo Bigogno dell’Associazione MAMI VOiCE.

© Riproduzione riservata

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.