Depositava denaro falso alle Poste poi ritirava la somma “pulita” a un altro sportello: arrestato - BergamoNews
Sorisole

Depositava denaro falso alle Poste poi ritirava la somma “pulita” a un altro sportello: arrestato

L’operazione dei carabinieri di Villa d’Almè

Nel pomeriggio di sabato, a Sorisole, i carabinieri della stazione di Villa d’Almè hanno arrestato un uomo straniero di 38 anni con precedenti specifici, perché all’ufficio postale aveva tentato di versare su una postepay 300 euro false utilizzando un documento d’identità intestato a un’altra persona, documento poi risultato falso.

Gli accertamenti svolti dai carabinieri hanno permesso di ricostruire un vero e proprio modus operandi dell’uomo: il versamento di contanti falsi a Sorisole, è risultato essere solo l’ultimo di una serie.

L’uomo ha adottato la stessa tecnica in diversi uffici postali della provincia di Bergamo: una volta depositato il denaro contante su una postepay, infatti, ritirava denaro pulito da uno sportello bancomat di un ufficio postale differente. La perquisizione effettuata dai militari all’interno della sua auto, ha permesso di rinvenire ulteriori 1700 euro falsi (tutti con taglio di 100 euro) e quasi 2000 euro di denaro pulito, che è stato sequestrato perché  ritenuto provento dell’attività illecita.

Accompagnato in caserma per i successivi accertamenti l’uomo è stato arrestato per aver speso e introdotto monete falsificate, per falsità ideologica commessa dal privato in atto pubblico, per possesso e fabbricazione di documenti di identificazione falsi e per sostituzione di persona: ora è in carcere a Bergamo.

Più informazioni
leggi anche
  • Guardia di finanza
    Treviolo, si spacciava per medico oculista: sigilli allo studio e sequestro di 227mila euro
    oculista (Foto Anna Shvets da Pexels)
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Bergamonews è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Bergamonews di restare un giornale gratuito.
Vuoi continuare a leggere BergamoNews senza pubblicità? Scopri come su bergamonewsfriends.it