BergamoNews it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Coppa del Mondo, quinto posto in parallelo gigante per Sofia Goggia

La 27enne di Astino ha sfiorato il podio nella prova disputata a Sestriere nella mattinata di domenica 19 gennaio

Si dice che la prima volta non si scordi mai, nemmeno per i campioni affermati come Sofia Goggia. Nella mattinata di domenica 19 gennaio la 27enne di Astino ha fatto il proprio debutto nel parallelo gigante, chiuso a ridosso delle migliori.

La finanziera ha chiuso la prova svoltasi sulle nevi di Sestriere in quinta posizione, dimostrando di esser a suo agio anche in questa specialità.

In grado di superare per due volte Viktoria Rebensburg, la sciatrice bergamasca ha superato agevolmente le qualificazioni con il quindicesimo tempo complessivo.

La sfida con la tedesca, già vincitrice di un oro olimpico fra le porte larghe,  le ha consentito di mostrare il proprio carattere e di riuscire a tagliare il traguardo con 1’01” di  ritardo da Mikaela Shiffrin.

La corsa della fuoriclasse lombarda ha rischiato di interrompersi ai sedicesimi, sconfitta dalla sorprendente Kaja Norbye a causa di diversi errori commessi nella manche d’andata.

Partita non al meglio, l’azzurra è apparsa in diversi casi in ritardo di linea, accumulando così oltre mezzo secondo di distacco dalla norvegese, uno scarto in apparenza impossibile da ricucire nella prova di ritorno.

Sofia invece non ha tradito i propri tifosi mettendo in campo tutta la propria grinta e riuscendo a tagliare il traguardo con 12 centesimi sulla 20enne scandinava.

Pronostico ribaltato anche agli ottavi di finale dove la sciata irruenta della portacolori della Fiamme Gialle le ha consentito di superare la tecnica di Wendy Holdener.

La corsa della campionessa olimpica si è però fermata contro la promessa austriaca Elisa Moerzinger al termine di un duello deciso probabilmente per uno sbilanciamento a poche porte dell’arrivo dell’atleta tricolore.

Capace di imporsi su Thea Louise Stjernesund dopo una discesa in costante crescendo caratterizzata dal miglior tempo sulla pista rossa, l’orobica ha sigillato l’ottima prestazione con l’affermazione su Kristin Lysdhal.

“Sono soddisfatta dei risultati di questo weekend soprattutto perchè li ho ottenuti davanti al pubblico italiano. La top ten raggiunta nel gigante mi fa molto contenta, ma devo lavorare ancora mettendo grinta ed efficacia – ha confessato Goggia dopo l’arrivo -. Sono partita male ma poi ho capito come interpretare il tracciato e questa disciplina. Adesso arrivano le mie gare e quindi devo restare concentrata: prometto di essere la miglior Sofia”.

A differenza di quanto prospettato alla vigilia, a trionfare sulla Kandahar Slalom è stata Clara Direz che ha battuto Elisa Moerzinger in una finale inattesa che ha decretato il primo successo in carriera per la francese.

Terzo posto invece per Marta Bassino che ha conquistato il derby casalingo con Federica Brignone, merito della fluidità e della facilità d’azione che l’hanno condotta sul podio piemontese.

Mi sono concentrata sul tenere l’appaggio in anticipo e il tempismo molto alto, quindi bisognava fare velocità. sono contentissima di oggi, dopo il gigante di sabato ho cercato di resettare e ripartire da zero. Siamo una squadra molto forte, ci alleniamo insieme e siamo unite, poi chiaramente lo sci rimane uno sport individuale e ognuno pensa a se stesso – ha dichiarato la 23enne di Borgo San Dalmazzo -. In parallelo ci siamo allenate due giorni ad Artesina, non sapevo tanto cosa aspettarmi, era solo il terzo giorno che provavo questa specialità che a me diverte molto. Finora è stata una stagione superpositiva, sono veramente soddisfatta di me stessa. Farò Bansko per cercare di fare il massimo anche sulla velocità. Poi salterò Sochi per rimanere a casa, staccare qualche ora e fare allenamento“.

Colpo di scena in casa Magoni con l’eliminazione al primo turno di Petra Vhlova, superata per sei centesimi dalla svizzera Alina Danioth.

La slovacca, vincitrice del gigante di giorno precedente, ha fatica fra le maglie strette del tracciato, dovendo così inchinarsi alla giovane elvetica al termine di un confronto deciso sul filo di lana.

Fuori subito anche la neozelandese Alice Robinson, eliminata dalla trentina Laura Pirovano e autrice di due gravi sviste che non le ha consentito di rimanere in pista.

Non sono mancate le sorprese nemmeno nel tabellone dei sedici dove si è concluso il percorso di Mikaela Shiffrin.

La leader della Coppa del Mondo ha sfruttato solo in parte il passo falso della diretta avversaria, sorpresa dalla trionfatrice di giornata

Terminato il week-end dedicato alle discipline tecniche, Sofia Goggia si sposterà sui Balcani per prendere parte alla tre giorni in programma a Bansko.

© Riproduzione riservata

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.