BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

A Milano non si potrà più fumare per strada: divieto da portare anche a Bergamo?

Sala: "Subito, o a breve, alle fermate dell’autobus non si fumerà"

Più informazioni su

Ha suscitato diverse reazioni, favorevoli ma anche contrastanti, la proposta del sindaco di Milano Beppe Sala: “Entro il 2030 non permetteremo più di fumare all’aperto, ma subito, o a breve, alle fermate dell’autobus non si fumerà, o comunque in coda per i servizi erogati dal Comune”.

La proposta, ha spiegato il primo cittadino milanese, entrerà a far parte “del Piano Aria Clima che verrà discusso in consiglio comunale e che speriamo di poter adottare per marzo”.

Il piano del sindaco è chiaro: da subito – dal momento in cui sarà approvato il piano aria clima – sarà vietato fumare alle fermate di bus e tram e durante le file presso gli uffici del comune, dal 2030 invece stop alle sigarette in tutta la città.

Il divieto di fumo, ha chiarito ancora Sala, potrebbe essere regolato “attraverso un’ordinanza” e “se verrà approvato il regolamento, conterrà la regolamentazione di tanti aspetti perché il vero rischio è che si riduca a traffico e riscaldamento, ma c’è altro”.

Cosa ne pensate? Il divieto sarebbe da imporre anche a Bergamo?

© Riproduzione riservata

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da stefano b.

    Quando sono andato a Nairobi 10 anni fa già non si poteva.
    Chi voleva fumare si doveva recare in spazi chiusi tipo edicole e fumava lì dentro. Una sorpresa piacevole. Il fumo costa alla comunità che paga la sanità un sacco di soldi tra farmaci, ricoveri e assenze dal lavoro.