BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Orio, slitta il bando per i letti d’arresto: l’esito posticipato al 30 gennaio

La scadenza, inizialmente fissato a venerdì 17, è stata spostata a martedì 28: c'è attesa per l'opera che farebbe dello scalo bergamasco il primo in Italia ad adottare la tecnologia.

Più informazioni su

È stato posticipato di undici giorni il termine per la presentazione delle offerte relative al bando di gara europeo lanciato il 4 dicembre scorso da Sacbo per la fornitura e posa di un letto di arresto da realizzare in corrispondenza della testata ovest della pista di volo dell’aeroporto di Orio al Serio.

Inizialmente fissata per le 16 di venerdì 17 gennaio, la scadenza è stata portata nei giorni scorsi alle 18 del 28 gennaio: le buste saranno poi aperte nella mattinata di giovedì 30.

Un’opera strategica del valore di 9,3 milioni di euro (comprensiva della manutenzione quinquennale) alla quale già da tempo stavano pensando i vertici della società che gestisce lo scalo orobico: il primo pensiero era stato fatto nel 2014, in appendice ai lavori di rifacimento della pista con la predisposizione delle aree di sicurezza alle estremità delle due testate.

Dopo la pubblicazione delle linee guide relative all’installazione dei letti d’arresto da parte di Enac, Sacbo ha preso subito la palla al balzo, avviando la procedura che porterà all’assegnazione dei lavori previsti nella seconda metà di settembre, con consegna e collaudo ad ottobre: il bando prevede lavori h24, sette giorni su sette.

Orio diventerà così il terzo scalo europeo (primo e unico in Italia) con oltre 10 milioni di passeggeri (dopo Zurigo e Madrid) a disporre di una tecnologia in grado di ridurre fortemente gli effetti prodotti sui passeggeri e sui veicoli durante l’eventuale fuoriuscita dalla pista, come già successo al Caravaggio nell’agosto 2016.

Il tutto grazie a strati di materiale a bassa densità in grado di determinare una forza decelerante su entrambi i carrelli, provocando la progressiva rapida dissipazione dell’energia cinetica dell’aereo.

Dopo l’intervento alla testata ovest e l’approvazione del nuovo Piano di Sviluppo Aeroportuale, Sacbo prevede di installare un letto d’arresto anche in corrispondenza della testata est.

© Riproduzione riservata

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.