BergamoNews it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Gasperini insultato a Firenze: “Mi hanno dato del figlio di…, ma mia madre ha fatto la guerra”

Il tecnico infuriato: "Non lo accetto, questa è cafonaggine e maleducazione"

È deluso per l’eliminazione dalla Coppa Italia Gian Piero Gasperini. Ma è soprattutto infuriato per gli insulti che sono piovuti dagli spalti, nei suoi confronti, durante Fiorentina-Atalanta.

Tra il pubblico fiorentino e il Gasp non esiste simpatia, soprattutto dopo il match di Serie A, al Franchi, della scorsa stagione, quello in cui Chiesa simulò e guadagnò il calcio di rigore che spianò la strada alla Viola verso il 2-0 con cui si chiuse il match. Dopo i 90′ il tecnico nerazzurro disse apertamente che il numero 25 toscano era “un simulatore”, attirando su di sé la rabbia dei tifosi viola.

“Non ho mai insultato nessuno – ha dichiarato il tecnico nel dopo-partita -. Ero motivato al massimo per la mia squadra e mi hanno gridato più volte ‘Figlio di p…’. Mia madre ha fatto la guerra per dare diritto di parola a questi deficienti: loro sì che sono dei figli di p… Non lo accetto: questa è cafonaggine e maleducazione”.

“Ci dispiace molto uscire dalla Coppa Italia – ha poi commentato Gasperini -. La sconfitta brucia. Non abbiamo recuperato dalla partita di Milano, potevamo anche vincerla ma la Fiorentina aveva più energie di noi. La Viola ha cercato e voluto vincere più di noi”.

“Nel primo tempo abbiamo ballato un po’. Poi abbiamo creato parecchie occasioni da gol, la traversa di Pasalic è clamorosa. I nostri obiettivi? La Champions è una ciliegina – ha spiegato Gasperini -. Ma vogliamo fare bene in campionato. La partita di Caldara mi è piaciuta: pensavo fosse più in ritardo di condizione, invece ha giocato bene”.

© Riproduzione riservata

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.