BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Atalanta, torna la Coppa Italia: con la Fiorentina è già sfida vera

Dopo l'esaltante cammino della scorsa stagione, chiuso con l'amara finale di Roma, i nerazzurri sono ospiti al Franchi per l'ottavo di finale

Più informazioni su

Esordio nella Coppa Italia 2019-2020 per la Dea per affrontare, negli ottavi di finale in campo avverso, la Fiorentina di Iachini.

Lo splendido terzo posto dello scorso campionato ha consentito ai nerazzurri di evitare qualsiasi incontro della fase antecedente di questa competizione, partendo così da questo turno.

Chiaramente un vantaggio in termini di energie risparmiate per gli atalantini che hanno potuto così concentrarsi sulle altre competizioni.

Ora però occorre superare anche questo ostacolo, in un match che è la rivincita della semifinale dello scorso anno, con l’unica differenza che si giocherà in gara secca all’Artemio Franchi. Il risultato della scorsa sfida, le numerose polemiche che ci sono state (per gli accadimenti avvenuti sul terreno di gioco e fuori dallo stadio) ed il fatto di dover giocare in terra toscana, rendono per la Dea la gara piuttosto difficile e scorbutica. La tifoseria viola non accoglierà certamente a suon di applausi Gomez e compagni e pertanto l’ambiente sarà piuttosto caldo.

Al netto di questi condizionamenti, che certamente non sono di poco conto, la superiorità dei nerazzurri è evidente e questo, unitamente al fatto che il Gasp non ci sta mai a perdere, dovrebbe rendere i tifosi atalantini piuttosto tranquilli.

Si sfidano due formazioni che stanno vivendo momenti di forma decisamente differenti. I viola, pur avendo vinto la gara interna con la Spal, non hanno affatto convinto, tanto che i ferraresi hanno dominato il match ed avrebbero meritato addirittura più del pareggio. I nerazzurri, al contrario, sono in un momento di forma straordinario e sono reduci dalla gara di San Siro nella quale hanno messo alle corde la capolista Inter, mettendo in mostra un gioco fatto di fraseggi ed azioni da far spellare le mani.

Le due compagini nerazzurre potrebbero tra l’altro doversi nuovamente incontrare, visto che se la Dea dovesse superare il turno andrà a sfidare il 29 gennaio, proprio l’Inter che ha battuto il Cagliari (su quale campo sarà il sorteggio a deciderlo).

Appare probabile che Fiorentina ed Atalanta decidano di fare un po’ di turnover, seppur ragionato, perché per entrambe e per opposti motivi, gli impegni di campionato hanno chiaramente la precedenza. Innegabile però resta il fatto che, da un lato i viola abbiano solo questa competizione come unica via per accedere all’Europa, dall’altro i nerazzurri abbiano invece le capacità per poter puntare ad andare avanti fino all’atto finale.

Mister Iachini si è dichiarato curioso di vedere come la sua squadra affronterà un avversario più avanti di loro, sia sul piano della classifica che del gioco, anche se i punti ultimamente conquistati in campionato lasciano ben sperare i tifosi viola.

Un’ultima considerazione sul match: spiace ancora una volta constatare che il calendario stabilito dalla Lega per questa competizione sembra fatto apposta per sminuirne i contenuti, visto che si giocherà alle 15 di una giornata feriale, impedendo così a molte persone la possibilità di goderne la visione.

Mister Iachini ha comunicato la presenza tra i pali di Terracciano al posto di Dragowski. Cutrone potrebbe partire da titolare, così come Badelj in cabina di regia. Dietro potrebbe riposare qualcuno, sia tra i centrali che sulla fascia. Possibile pertanto la presenza in campo sia per Ceccherini che per Venuti. Chiesa dovrebbe entrare a gara in corso. Ballottaggio possibile VlahovicSottil.

In casa nerazzurra potrebbe mancare all’appello Castagne, che lamenta noie al ginocchio sinistro. Gli altri sono tutti arruolabili con la probabile presenza dal primo minuto di Muriel, Malinovskyi e Freuler, relegati inizialmente in panchina a Milano, nonché Sportiello, portiere titolare di Coppa. Possibili sorprese in difesa dove anche Caldara potrebbe esordire.

L’ultimo scontro con l’attuale allenatore viola riporta ad una delle poche steccate dello scorso torneo. Iachini allora sulla panchina dell’Empoli riuscì nell’impresa di ribaltare lo 0-2 atalantino vincendo la gara per 3-2.

Speriamo che oggi questo resti solo un ricordo.

© Riproduzione riservata

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.