BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Unione di Comuni Terre del Serio sempre più in crisi, i sindaci: “Esperienza al termine”

La conferma arriva dei primi cittadini di Bariano, Morengo, Pagazzano, Mozzanica e Fornovo: il super-ente non può più continuare

L’Unione “Terre del Serio” è arrivata ai titoli di coda. A confermarlo sono stati i sindaci che guidano le amministrazioni dei comuni interessati – Bariano, Pagazzano, Morengo, Mozzanica e Fornovo -, che attraverso un comunicato stampa hanno confermato le enormi difficoltà nei quali versa, da tempo, l’organizzazione.

Nata nel 2014, l’Unione “Terre del Serio” doveva essere un super-ente che si sarebbe occupato di alcuni importanti servizi sui territori interessati, dall’istruzione al servizio mensa scolastica, dalla polizia locale alla protezione civile.

Nei mesi scorsi, vista la crisi economica dell’organizzazione, le amministrazioni (tutte appena elette, ad eccezione di Fornovo) avevano riportato in capo al proprio comune gran parte delle funzioni che negli anni erano state delegate al super-ente con sede a Bariano, di fatto “svuotando” di senso la stessa esistenza dell’Unione.

In pratica, ad oggi, l’unica funzione rimasta in seno all’Unione per tutti e cinque i comuni è quella della polizia locale, ma pure qui i problemi non mancano tra richieste di mobilità che hanno dimezzato, di fatto, il numero del personale a disposizione.

“Già nel mese di giugno – hanno scritto i sindaci nel comunicato stampa -, all’atto del nostro insediamento, abbiamo corso il rischio di non poter distribuire le cedole per l’acquisto dei libri della scuola elementare, lasciando così senza libri gli alunni/e all’avvio dell’anno scolastico in corso. L’Unione, vista la mancanza di personale, non era in grado di procedere all’impegno per la spesa relativa. I comuni sono così intervenuti direttamente sostituendosi all’Unione”.

Sul futuro dell’organizzazione la linea dei vari sindaci sembra chiara: “L’esperienza di questa Unione è giunta al termine e va interrotta – si legge -, ovviamente nel rispetto dei tempi e dei modi previsti”.

Il comandante della polizia locale Antonello Pizzaballa avrà invece la mobilità che aveva chiesto: “Vista la richiesta di poter andare in un altro posto di lavoro, daremo il nostro consenso alla mobilità chiesta dal comandante della polizia locale, chiedendo allo stesso la disponibilità di supportarci per completare i passaggi necessari alla chiusura”.

© Riproduzione riservata

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.