BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Tangenziale di Verdello, l’assessore Terzi: “Potremmo dividere i lavori in due lotti”

La risposta a un'interrogazione di Violi sull'opera: "Così facendo potremmo sfruttare sin da subito i finanziamenti già stanziati da Regione Lombardia"

Potrebbe essere diviso in due lotti l’importante intervento che porterà alla nascita della tangenziale di Verdello, un’opera attesa da anni che potrebbe portare respiro al traffico, spesso congestionato, della Sp42.

A comunicarlo è stato l’assessore regionale a Infrastrutture, Trasporti e Mobilità sostenibile, Claudia Maria Terzi, rispondendo in aula all’interrogazione del consigliere del M5S Dario Violi in merito all’opera.

“Regione Lombardia ha stanziato complessivamente 9,8 milioni di euro (su un totale di 11 milioni) per realizzare la Tangenziale di Verdello. Questi 11 milioni sono disponibili. Nel marzo 2019 però il Comune aveva riaggiornato il quadro economico ridefinendo il costo dell’opera a 13,8 milioni, con la necessità dunque di reperire altri 2,5 milioni di euro circa. Costi lievitati per la ridefinizione di alcune voci come quella degli espropri, non certo per l’applicazione del prezzario regionale che, ripeto, nulla c’entra con l’aumento in questione, anzi, l’applicazione del prezzario regionale ha consentito di contenere i costi che altrimenti sarebbero stati più alti”, ha dichiarato l’assessore Terzi.

“L’idea – ha proseguito Terzi – è quella di realizzare una progettazione unica ma dividendo i lavori in due lotti, in modo da impiegare subito le risorse disponibili. Questo consentirebbe di uscire dall’impasse. A valle della procedura di assoggettabilità a Via e approvazione del progetto definitivo, si sottoscriverà la convenzione attuativa dell’intervento condividendo la soluzione per lotti. L’aggiudicazione della gara per i lavori dovrà essere completata entro il 31 dicembre 2021, pena la perdita dei 5 milioni derivanti dal Patto per la Lombardia: naturalmente lavoriamo per scongiurare questa ipotesi”.

Le lunghe code sulla Sp42, a Verdello
Verdello

In risposta, il consigliere Violi ha chiesto tempi certi sull’avvio dei lavori: “Chiedo che non si vada oltre il 2020 con le gare, l’aggiudicazione e l’avvio dei lavori. Il finanziamento ottenuto deve essere usato nell’immediato – ha continuato Violi – in modo che l’opera sia disponibile già dal 2024-25. È indecente che quando i soldi ci sono, e c’è totale accordo su di un’infrastruttura, trascorrano inutilmente anni a causa di intoppi burocratici. Parliamo della tangenziale dal 2016: sono pochi chilometri di strada che miglioreranno la viabilità sul territorio. Verdello si deve liberare al più presto di migliaia di auto che attraversano l’abitato ogni giorno rovinando la vita e la salute dei cittadini”.

Anche Jacopo Scandella, consigliere del Pd, è intervenuto: “La tangenziale di Verdello è un’opera necessaria che il territorio attende da troppo tempo – ha spiegato -. La Regione ha annunciato la sua realizzazione ormai più di due anni fa e la nuova amministrazione comunale ha fin da subito sollecitato perché si superassero i problemi tecnici ereditati. Noi crediamo che ci siano tutte le condizioni perché si arrivi ad aprire i cantieri nel più breve tempo possibile”.

© Riproduzione riservata

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.