BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Filippo Cattaneo Ponzoni Trio, la buona musica bergamasca illumina Milano fotogallery

La band, guidata dal chitarrista Filippo Cattaneo Ponzoni, venerdì 10 gennaio ha suonato sul palco di Germi, il circolo culturale di Manuel Agnelli, Rodrigo d’Erasmo, Francesca Risi e Gianluca Segale

Più informazioni su

Un piccolo circolo letterario nel cuore di Milano, luci soffuse, musica dal vivo. Tutto è quasi perfetto. A riempire il “quasi” di una magnificata serata sono gli artisti, l’ago della bilancia di questo scenario ameno. Venerdì 10 gennaio, nella prima data milanese dell’anno il Filippo Cattaneo Ponzoni Trio, ha fatto davvero la differenza, ospiti di Germi, un luogo di contaminazione culturale fondato nel marzo 2019 dal cantante Manuel Agnelli, Rodrigo d’Erasmo, Francesca Risi e Gianluca Segale.

Sul palco il fondatore del trio, il chitarrista Filippo Cattaneo Ponzoni, il batterista Cesare Bergamelli, entrambi di Bergamo, il bassista Fabio Brignone, originario di Aprilia, ma da tempo di base a Milano.

Il live è stato occasione per presentare il nuovo EP di Filippo, chitarrista di soli vent’anni. Dopo aver calcato i palcoscenici dei più importanti festival in Italia come membro ufficiale della band di Ghemon, è ora il momento di buttarsi anche in progetti “in solitaria”, tra canto e scrittura di nuovi pezzi.

“La tua alternativa” è il primo titolo in scaletta, in cui i linguaggi del pop e del rock si uniscono attorno ad un reef coinvolgente che percorre l’intero brano. Di impronta spiccatamente rock è, invece, “Non voglio aspettare”, prima canzone in assoluto scritta da Filippo. In “Dimenticarmi di te”, per la prima volta eseguita dal vivo, emerge chiaramente l’anima chitarrista dell’autore, accompagnata da una linea di basso eccezionale. “A volte”, segna un cambio di registro, un brano acustico, intimo nato per chitarra e voce. Dopo il sound anni ’80 di “Chi sei”, lo strumentale “Season”, inedito del chitarrista, evoca distese e calde suggestioni.

Brani inediti accompagnati da cover di lusso, rivisitate con una cura eccezionale dai tre musicisti. Il risultato è arrivato, chiaro e a tutti. Nei piccoli palchi, tra un calice di vino e l’altro, puoi incontrare gli artisti che sanno fare la differenza, anche a vent’anni.

(Foto di Federica Cattaneo Ponzoni)

© Riproduzione riservata

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.